Una task force di volontari contro l’ambrosia

Sei cittadini dotati di tesserino identificativo in giro per il territorio comunale per verificare il rispetto dell’ordinanza

Emergenza ambrosia, il Comune mette in campo una task force di volontari per monitorare il fenomeno sul territorio. L’iniziativa è stata sperimentata già a partire dal 2008, quando gli assessorati all’ambiente e alle politiche sanitarie lanciarono pubblicamente un appello per reclutare volontari: da quest’estate la task force anti-ambrosia ha ricevuto l’imprimatur dell’ufficialità, tanto che ciascun volontario è dotato di tesserino identificativo fornito dal Comune di Cardano al Campo.
E così da qualche settimana i volontari, che sono sei in tutto e sono direttamente interessati in prima persona al fenomeno in quanto essi stessi allergici, sono in giro per il territorio comunale per verificare il rispetto dell’ordinanza che impone lo sfalcio della pianta infestante in tre periodi nel corso dell’estate.
L’emergenza ambrosia trova nell’area tra Malpensa e il Bustese il terreno più fertile per la propria diffusione. Dopo una serie di incontri formativi a cura dell’ufficio ecologia, la piccola “task force” è scesa in campo per mettere in atto un monitoraggio costante e capillare sulla diffusione della pianta infestante sul territorio comunale, così da arricchire e rendere sempre più completa la banca dati dell’ufficio ecologia sui terreni colpiti dall’ambrosia, una sorta di “catasto” che permette ogni anno al Comune di avvisare per tempo i proprietari delle aree a rischio di procedere con le operazioni di sfalcio previste dalle disposizioni regionali in materia.
Compito dei volontari è controllare a tappeto il territorio comunale, in particolare le zone periferiche e marginali, per segnalare la presenza della pianta in modo da poter effettuare o imporre gli sfalci ai proprietari delle aree. Il tutto mentre i numerosi cardanesi allergici all’ambrosia combattono in questi giorni con le fastidiose conseguenze dell’allergia.
«Grazie all’aiuto e all’impegno dei volontari – sottolinea l’assessore alle politiche ambientali Vincenzo Proto – possiamo aggiungere un tassello importante alla lotta all’ambrosia. Auspichiamo una fattiva collaborazione anche da parte di tutti i cittadini e in particolare dei proprietari di terreni a rischio ambrosia».
Sempre nel 2008 l’amministrazione comunale organizzò una conferenza informativa e distribuì un opuscolo a tutte le famiglie cardanesi, curato in collaborazione con l’azienda ospedaliera Sant’Antonio Abate di Gallarate, per sensibilizzare i cittadini nei confronti del problema.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.