Varese da applausi, manca solo il gol

Varese-Atalanta 0-0. Nonostante il forte vento i biancorossi mettono paura alla grande favorita della stagione. Carrozza e Cellini sfiorano il vantaggio, Morau quasi inoperoso

È una rarità a Masnago veder finire una partita a reti bianche, ma lo 0-0 di Varese-Atalanta è un risultato che sta stretto ai ragazzi di Sannino. Fa strano dirlo, ma si può essere a quattro punti dopo due gare – con Torino e Atalanta – e avere anche un filo di recriminazione per non essere a punteggio pieno. Già, perché quando si tirano le somme di questo pomeriggio sereno e ventoso, si vede che le occasioni migliori sono quelle capitate al Varese: due su tutte, la sforbiciata di Carrozza a inizio ripresa che scheggia la traversa e il match ball capitato a Cellini nel finale, che ha sì gonfiato la rete ma dall’esterno. Però, giustamente, è la serenità il sentimento più adatto per commentare il match, come dice anche Sannino. Match che ha avuto un protagonista extra campo, un vento forte, freddo e fastidioso che ha condizionato i 90’, favorendo gli ospiti nella prima metà e il Varese nella ripresa. Varese che ha fatto esordire Eusepi e Frara ma ha soprattutto avuto conferme dai titolari: Pugliese è cresciuto, Pisano pure mentre chi più stupisce è forse Corti che migliora salendo di livello. Tra sette giorni si torna a Masnago e dall’altro lato del campo apparirà un’altra grande, con una lunga storia recente in Serie A, l’Empoli. Abbassare la guardia non si può, ma Sannino e i suoi lo sanno bene.
 
COLPO D’OCCHIO – La serie B è tornata e il Franco Ossola risponde bene a una categoria che da queste parti era persa nel dimenticatoio da anni. Al posto di Mastalli, Limido e Di Giovanni ci sono i nuovi idoli, Neto, Zecchin e soprattutto l’eroe Buzzegoli. Il Varese arriva allo stadio a piedi, con l’unica eccezione del presidente Rosati giunto in taxi: scene da austerity, scene da anni Settanta. Da oggi si rifà la storia.
 
CALCIO D’INIZIO – Sannino conferma le indicazioni della vigilia e ripropone il medesimo undici che ha espugnato l’Olimpico di Torino. Le uniche differenze sono in panchina dove prendono posto Frara e Armenise al posto di Tripoli e Gambadori. Una variazione invece tra i bergamaschi: non gioca Bernardini – non era al meglio – e al suo posto Colantuono sceglie Raimondi.
 
IL PRIMO TEMPO – In meno di 2’ il match regala un’emozione per parte: prima il Varese è pericoloso su azione d’angolo, poi Pisano salva in scivolata su un tiro a botta sicura di Ardemagni. L’Atalanta pare subito a trazione anteriore e mette paura ai ragazzi di Sannino che però, quando sono in possesso di palla, non disdegnano di pungere. Il vento condiziona il gioco, che si accende soprattutto nel duello in fascia tra Carrozza e Bonaventura, con i due tecnici che intervengono a metter calma fra i due.
Passata la sferzata nerazzurra all’inizio, il Varese si fa più intraprendente perché capisce che dalla metà campo indietro l’Atalanta non è irresistibile: prova ne è che Basha deve abbattere Neto, rimediando la prima ammonizione. Il brasiliano ci prova al 21’ su passaggio filtrante di Corti, ma Consigli è pronto all’uscita bassa.
Il portiere ospite viene poi letteralmente graziato al 27’ da Carrozza: un’invenzione di Buzzegoli lancia sulla sinistra l’ala che al posto di tirare da pochi metri sceglie l’assist per Cellini ma sbaglia il passaggio. Palla lentissima e Consigli pronto a sventare tra la delusione di Masnago. La risposta orobica è in un paio di punizioni velleitarie di Pettinari: sulla prima Moreau è attento e blocca, la seconda si perde in barriera. Tempo di ammonizioni per Pisano (sgambetto) e Capelli (trattenuta a gioco fermo) che poi rischia grosso subito dopo per un fallaccio su Neto, ma l’arbitro lo grazia. Piace molto, in retroguardia, il terzino Pugliese: dalle sue parti l’Atalanta non riesce a sfondare e tutta la difesa biancorossa ne trae beneficio. Proprio lui, al 43’, mette in mezzo un gran cross per Zecchin che non se la sente di provare al volo e perde l’attimo come Neto Pereira che poco dopo è imbeccato alla grande da Corti, ottimo anche oggi.
 
LA RIPRESA – Neppure il tempo di cominciare e il Varese sfiora ancora il vantaggio: angolo da destra, palla toccata da una torre e sforbiciata destra di Carrozza da pochi metri che scheggia la traversa e finisce alta. Al 7’ attimo di paura per una capocciata involontaria tra Pesoli e Tiribocchi: i due restano a terra, devono farsi medicare ma tornano in campo. Con il vento a favore il Varese giganteggia: al 14’ Pisano serve bene Cellini che batte in velocità il difensore ma di testa colpisce alto dal dischetto.
A metà ripresa è l’ora dei cambi in attacco: fuori Neto e Ardemagni, dentro Eusepi (esordio in B) e Ruopolo. Poco dopo c’è anche Osuji per Zecchin, a dare maggiore copertura centrale ma è Eros Pisano a sfiorare nuovamente il possibile 1-0: su un angolo da sinistra conquistato da Cellini il terzino si catapulta in area e schiaccia di testa, ma il pallone lo beffa passando accanto al palo.
Il Varese non si perde d’animo, e Carrozza ha ancora energie (è il 34’) per puntare l’avversario e dare il via a un’azione che l’Atalanta argina a fatica. L’ultimo giro di cambi porta sul prato Frara (altro esordiente biancorosso) e il sempreverde Doni al posto di Buzzegoli e Tiribocchi e due minuti dopo (43’) è Cellini a sprecare il match ball. L’attaccante è bravo a infilarsi tra due difensori e a entrare in area ma il suo destro in corsa da ottima posizione la palla colpisce l’esterno della rete.

Il recupero indicato dal signor Giancola (direzione comunque buona) è clamoroso, ben 6’, e inizia con un paio di colpi proibiti tra Osuji e Doni, subito ammoniti, con l’atalantino fischiatissimo. Finisce lì, è un pareggio ma di quelli da incassare con il sorriso sulle labbra.

Galleria fotografica

Varese - Atalanta 4 di 13
Varese – Atalanta 0-0 (0-0)
 
Varese (4-4-2): Moreau; Pisano, Pesoli, Camisa, Pugliese; Zecchin (Osuji dal 27’ st), Buzzegoli (Frara dal 41’ st), Corti, Carrozza; Cellini, Neto Pereira (Eusepi dal 22’ st). All. Sannino. A disp.: Café, Mustacchio, Armenise, Figliomeni.
Atalanta (4-4-2): Consigli; Raimondi, Capelli, Peluso, Bellini; Bonaventura, Basha (Radovanovic dal 16’ st), Padoin, Pettinari; Ardemagni (Ruopolo dal 22’ st), Tiribocchi (Doni dal 41’ st). All. Colantuono. A disp.: Frezzolini, Talamonti, Troest, Ceravolo.
Arbitro: Giancola di Vasto (Bianchi e Schenone – IV° uomo Aureliano).
Note. Giornata serena e molto ventosa, terreno in ottime condizioni. Ammoniti: Basha, Pisano, Capelli, Tiribocchi, Pettinari, Buzzegoli, Osuji, Doni. Calci d’angolo: 5-0. Spettatori: 7.500. Incasso: 65.683 euro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 agosto 2010
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Varese - Atalanta 4 di 13

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.