Albero di Macedonia, la prima comunità familiare interreligiosa

Inaugura domenica 26 settembre la prima comunità dove convivono gruppi famigliari di diverso credo religioso

Domenica 26 settembre si apre la prima comunità familiare interreligiosa della Lombardia,
a Monticelli Pavese. “L’Albero della Macedonia”: vuole essere un modo per incoraggiare le famiglie che hanno scelto di condividere un’esperienza di accoglienza e di dialogo
interreligioso a vivere in comunità
L’Albero della Macedonia sorge in una bella cascina alle porte del piccolo comune della provincia di Pavia. In questa casa, completamente ristrutturata, quattro famiglie con storie, cultura, esperienze e religioni diverse hanno deciso di vivere una accanto all’altra e di sperimentare un’esperienza di affido a favore di ragazzi e bambini italiani e stranieri.
A gennaio due coppie, una cattolica di italiani, Beppe Casolo e Margherita Valentini, e una di religione islamica originaria del Marocco Mustapha Hanich e Fatima Eddahbi, ognuna con tre figli, hanno aperto le porte di casa a quattro fratelli, tra i 6 e i 9 anni, temporaneamente allontanati dai loro genitori naturali.
Questa estate il loro esempio è stato seguito anche da un’altra famiglia italiana, Virgilio Miglietta e Arianna Iraci Sereri e i loro due figli e un’altra famiglia marocchina che di figli ne ha tre, Bekai Arbit e la moglie Saliha Chrifi, disponibili entrambe a vivere non solo un’esperienza comunitaria ma anche a diventare famiglie affidatarie. La ragione d’essere dell’Albero della Macedonia e il minimo comune denominatore della famiglie diverse che lo compongono è infatti l’affido. Una scelta impegnativa sostenuta dagli educatori della cooperativa Comin, promotrice del progetto sociale.
 
Domenica questa comunità familiare multinazionale, multietnica e multi religiosa, unica nel suo genere, si presenterà ufficialmente ai rappresentanti delle istituzioni civili e religiose con una festa.
 
Al termine della cerimonia d’inaugurazione della comunità, un comitato promotore appositamente costituitosi presenterà il progetto “Il Fienile dei Sogni” uno spazio permanente di preghiera e riflessione aperto ai diversi credi. A tenere a battesimo questa nuova iniziativa ci sarà Giovanni Storti del trio Aldo, Giovanni e Giacomo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.