Ambrosia in via Morelli, via allo sfalcio

Superati i problemi tecnici con la ditta che ha in appalto le operazioni di sfalcio. L'amministrazione ricorda che già il 90% dei bordi stradali è stato ripulito dalla pianta infestante e causa di allergie

L’amministrazione comunale di Castellanza comunica che sono stati superati i problemi tecnici con la ditta incaricata di sfalciare l’ambrosia e che a partire da oggi. Ecco il comunicato

Nel tratto terminale di via Morelli l’ambrosia residua verrà eliminata a partire da oggi, lunedì. Purtroppo quest’anno la ditta che usualmente a fine agosto esegue lo sfalcio dell’ambrosia dai bordi delle strade comunali per problemi tecnici ha ritardato di qualche giorno gli interventi. Venerdì 3 settembre comunque il 90% dei bordi stradali di Castellanza era già stato sfalciato. Come avrà potuto notare è stata nostra cura sollecitare anche i cantieri presenti in zona ad eliminare l’ambrosia presente ed infatti nella zona, tranne il nostro piccolo bordo strada non vi sono altre grandi estensioni di questa infestante. Questo purtroppo non può evitare agli allergici presenti nell’area di manifestare l’allergia. Bisogna ricordare che il polline è prodotto in quantità enormi da ogni pianta dell’infestante e che purtroppo è in grado di spostarsi per decine di chilometri trasportato da ogni refolo d’aria. Come già chiarito in comunicati stampa non è nemmeno
sorprendente che nella nostra zona si registrino percentuali di allergici intorno al 15%; dalla letteratura scientifica è ormai acclarato che nelle aree in cui la presenza di ambrosia è endemica e dura da diversi anni si raggiunge sempre una percentuale di allergici sul totale della popolazione nell’intornio del valore di 11-15% ( cosi come p.e. la risposta alle graminacee e nell’ordine dell’8-10%). Il "Bustocco" è l’area nella quale l’ambrosia ha iniziato la sua diffusione fin dagli anni ’80 e quindi la risposta della popolazione ha raggiunto i livelli standard di percentuale di allergici.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.