Ancora qualche giorno per vedere i fiori di Manzù

Ingresso gratuito al Midec da venerdì a domenica

Con la mostra dedicata a Manzù, il Museo Internazionale Design Ceramico di Cerro di Laveno Mombello, aderisce all’appuntamento annuale proposto dalla Regione Lombardia, occasione di incontro e di crescita, ma anche di divertimento e confronto. L’obiettivo è di offrire a tutti, bambini, giovani e adulti, l’opportunità di scoprire i musei e le biblioteche, i luoghi straordinari in cui sono situati e i servizi che offrono.

Sarà inoltre l’ultima occasione per poter ammirare, nella splendida sala Andlovitz al primo piano del Palazzo Perabò, una mostra che offre ai visitatori un’opera di Manzù poco conosciuta: trenta disegni di erbe e fiori realizzati dal grande scultore bergamasco quando, nel 1944 ospite dell’industriale tessile Carlo De Angeli Frua nella sua villa di Laveno sul lago Maggiore, esercitò la sua vena artistica dal vero e direttamente su carta assorbente. Una mostra dal tratto delicato ma preciso e determinato, in cui i segni grafici sono minuziosi e la mano dell’artista non da segni di esitazione.
 
L’erbario di Laveno è il risultato di una attenta osservazione, dove l’artista analizza la caratteristica di ciascun vegetale sia essa la flessuosità o la rigidità, la trasparenza o la compattezza, l’effetto vellutato del fogliame o la sua struttura delicata.
In mostra al MIDeC, oltre ai trenta disegni, si può ammirare anche l’erbario essiccato realizzato nel 2004 dalla dott.ssa M. Cristina Rodeschini, curatrice della mostra con la dott.ssa Emma Zanella, grazie alla collaborazione dell’Orto Botanico Lorenzo Rota di Bergamo e corrispondente alla serie disegnata dall’artista. Quasi tutte le specie vegetali ritratte sono state riconosciute e, salvo poche eccezioni, crescono ancora nel parco della villa appartenuta ai De Angeli Frua, ora sede del Comune di Laveno.
 
Tra le opere grafiche, trovano giusta collocazione alcune importanti sculture realizzate dall’artista in quel particolare periodo storico e gentilmente prestate da collezionisti privati.
 
La mostra chiuderà il 26 settembre 2010.
 
Un catalogo ragionato, con testi di approfondimento e immagini delle opere, accompagna la mostra, così come una collezione di cartoline fatte realizzare appositamente dalla GAMEC di Bergamo per la prima esposizione della collezione nel 2004.
 
 
Nei giorni 24, 25 e 26 settembre l’ingresso è gratuito

I fiori di Manzù. Omaggio a Laveno Mombello
 
sculture e opere grafiche al MIDeC di Cerro di Laveno Mombello
MIDeC Museo Internazionale Design Ceramico
24 25 e 26 settembre 2010 > FAI IL PIENO DI CULTURA

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.