Caielli: “Promuoviamo il turismo ma non scordiamo l’ambiente”

Il consigliere provinciale commenta l'iniziativa di domenica 26 dedicata alla navigazione sul Ticino e chiede in particolare la salvaguardia della conca della Miorina

Il fiume a valle della Miorina è un’oasi incontaminata e per questo deve essere salvaguardato. È questo in sintesi il contenuto dell’ordine del giorno presentato in consiglio provinciale dal consigliere sestese del Pd Roberto Caielli e votato all’unanimità con il parere favorevole dell’assessore all’ambiente Marsico. Nel testo si raccomanda alla giunta di rappresentare l’esigenza di “promuovere una proposta turistica e gestionale che abbia al centro la valorizzazione della unicità ed esclusività” di quella particolare area del Ticino incontaminata “grazie alla limitazione dell’accessibilità alla nautica da diporto”. 
Il riferimento è in particolare alla manifestazione "Vivi Ticino" che si svolgerà domenica 26 settembre con l’obiettivo di promuovere il turismo lungo il corso del fiume azzurro, durante la quale è prevista la navigazione verso la conca della diga della Miorina e una sfilata di imbarcazioni dell’associazione Riva historical Society.  

«Le opere idrauliche per consentire la navigazione in quel tratto sono state fatte tra il 2007 e il 2008 – precisa in una nota Caielli – l’idrovia è stata inaugurata nel 2009 vigente l’Amministrazione di Insieme per Sesto. La promozione del progetto Locarno-Venezia risale all’amministrazione da me guidata e nel convegno sestese del 2002 abbiamo raccolto – dopo una campagna di promozione fatta insieme al sindaco di Locarno, Balerna, le firme dei sindaci del lago, presenti quasi al completo. Presupposto delle opere è la valutazione dell’incidenza, trattandosi di una Zona a Protezione Speciale (ZPS) riconosciuta come Sito di Importanza Comunitaria (SIC). In quella valutazione, pubblicata sul BUR della Regione Piemonte è scritto che l’opera serve alla navigazione turistica e non ai natanti da diporto. Lascio a voi classificare la tipologia del motoscafo Riva: è come se un comune che inaugura un’isola pedonale lo fa organizzando un corteo di porsche o di ferrari; belle auto, ma che c’entrano con la zona pedonale? In ogni caso, stante il vigente regolamento regionale di navigazione non potrebbero circolare natanti con oltre 20 cavalli di potenza".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.