Chiuso in una micro gabbia per quattro anni

Un giovane Labrador è stato liberato dai volontari dell’Enpa: non aveva aperture per uscire e il cibo gli veniva lanciato all’interno

Si trovava da quattro anni a vivere rinchiuso in un quadrato di un metro e mezzo per un metro, all’ombra di un pino finto, senza nemmeno un’apertura da cui potesse uscire ogni tanto, mentre il cibo gli veniva lanciato dentro. Si tratta di un cane di nome Roll, salvato dai volontari dell’Enpa di Saronno, venuti a conoscenza della sua condizione. Un labrador che definiscono «dolce e affettuoso» e che «a breve sottoporremo ad una terapia di recupero in modo che possa presto essere accolto da una famiglia che gli voglia bene e lo aiuti a dimenticare quel box».
Evi Mibelli, portavoce dell’associazione spiega che il cane «era stato adottato 4 anni fa al canile di Limbiate ma presto nella sua famiglia si sono verificati seri problemi sociali. Il primo a farne le spese è stato proprio Roll che è stato richiuso in una gabbia da dove non usciva mai. Al danno si è aggiunta la beffa quando il proprietario si è venuto a lamentare che il cane era aggressivo e che ringhiava in continuazione».
Così i volontari dell’Enpa sono venuti a conoscenza della situazione di Roll. Lo hanno liberato e i volontari raccontano che il cane si è subito rotolato nell’erba e ha iniziato a scodinzolare a tutti: «Per il momento l’abbiamo messo in pensione a Gerenzano, perché non è ancora pronto per andare in una famiglia – spiega la Mibelli -. In passato abbiamo avuto un caso analogo che abbiamo curato ottenendo ottimi risultati. È necessario un periodo di rieducazione per permettere all’animale di tornare a vivere una vita normale con una nuova famiglia».
Se qualcuno fosse interessato ad adottare Roll il numero per informarsi è 339-7326094.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.