Cimberio al lavoro con lo “sparring partner” croato

Con i biancorossi si allena il 2,15 Alen Trepalovac, ex Cibona: consentirà a Collins di non forzare i tempi. Piccolo problema muscolare per Cotani

giacomo zattra alen trepalovac allenamento cimberio basketChi ha messo il naso al PalaWhirlpool, dove finalmente i giocatori della Cimberio hanno "incontrato" il pallone dopo una settimana di preparazione atletica, non ha potuto non notare un giocatore mai visto prima. Due metri e quindici centimetri non passano inosservati neppure in mezzo a una squadra di basket di Serie A, dove la "guglia" è Galanda, fermo si fa per dire a quota 210 centimetri.
A tanta altezza si accompagna il nome di Alen Trepalovac, 25enne pivot croato con un passato anche al Cibona, arrivato in questi giorni alla corte dei biancorossi per mettersi in mostra nel caso qualcuno fosse interessato a ingaggiarlo.
Non Varese, e questo è assodato: al di là dei limiti sportivi (è dotato di buona tecnica ma non è certo un crack), nella squadra biancorossa è al completo anche la quota "passaporti". Piuttosto Trepalovac (nella foto in maglia rossa contro il giovane Zattra) serve a coach Carlo Recalcati per innalzare il livello degli allenamenti e anche a far recuperare con calma Dwayne Collins. Il giovane americano infatti è convalescente da un’operazione al ginocchio effettuata negli Stati Uniti e non ha ancora iniziato a lavorare a pieno ritmo con i compagni, seguendo una tabella personale. Tutto concordato, naturalmente, con la società: l’avvio ritardato del campionato permette di non forzare i tempi, tanto che anche lo staff sanitario è contento dei progressi mostrati dall’articolazione di Collins.
Logico però che senza il pivot titolare è utile avere uno "sparring partner" come Trepalovac, che da ragazzino venne già chiamato in Italia dalla Fortitudo (guarda caso allenata da Recalcati) e che di recente ha concluso la stagione in Francia, a Clermont-Ferrand dopo una militanza a Cipro. A questo punto dunque è molto probabile che la Cimberio lo impieghi nella prima amichevole stagionale a Masnago, un match non ufficiale (un cosiddetto scrimmage, comunque aperto al pubblico) in programma alle 18 di martedì prossimo, 7 settembre, contro i Lugano Tigers. Poi si vedrà se schierarlo anche nei successivi impegni di Casale Monferrato e Castellanza, anche se per allora Collins potrebbe essere tornato al suo posto.
Intanto va segnalato un problema che ha costretto allo stop Simone Cotani; l’ala, sul finire della seduta del mercoledì sera, ha accusato un fastidio muscolare a una coscia ed è stato preso in consegna dal fisioterapista Claudio Galleani. Non dovrebbe comunque trattarsi di nulla di grave. Domenica infine atterrerà alla Malpensa il tassello mancante della Cimberio, il finlandese Teemu Rannikko, reduce dal girone di qualificazione europea con la sua nazionale: se non ci saranno intoppi verrà presentato lunedì e quindi potrà giocare qualche mintuo con il Lugano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.