Collins, la risonanza esclude problemi gravi

Il pivot soffre di un'infiammazione al ginocchio operato. Mercoledì esami anche per Rannikko, ai box per guai muscolari

C’era attesa nell’entourage della Pallacanestro Varese per l’esito della risonanza magnetica cui si è sottoposto oggi pomeriggio – martedì – il pivot americano Dwayne Collins. Il giovane lungo, operato a giugno per la pulizia di un ginocchio, sta faticando da tempo a causa del dolore e del gonfiore all’articolazione; l’esame cui si è sottoposto però ha escluso guai seri. Il malanno di Collins è infatti solo un’infiammazione e quindi verrà trattata come tale: «Proseguiremo con le terapie già iniziate e con una tabella di lavoro senza troppi carichi: per il momento questa è l’unica soluzione» spiega a caldo il team manager Max Ferraiuolo.
Il dirigente biancorosso non ha però terminato il suo tour per gli ospedali: mercoledì nel primo pomeriggio infatti accompagnerà Teemu Rannikko a fare un’ecografia che dovrà stabilire la gravità dell’infortunio muscolare che lo affligge. La zona interessata è tra la gamba e la caviglia, e a causa di questo problema il play finlandese è ancora fermo; la sensazione fa sperare in bene ma solo l’esame ecografico dirà con certezza qual è lo stato dell’infortunio e permetterà di stilare un calendario per il rientro agli allenamenti. 

BasketSi avvicina il campionato: Recalcati in diretta su VareseNews

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.