Condannati in primo grado, espulsi due stranieri

La Questura di Varese ha messo in pratica la normativa del "pacchetto sicurezza" voluto dal ministro Maroni. I due, oltre alle condanne, avevano anche precedenti per estorsione e guida in stato di ebrezza

Accompagnati a Malpensa ed espulsi perchè avevano commesso reati in Italia e ora non potranno più rientrarvi per 10 anni. Nella giornata di ieri 1 settembre l’Ufficio Immigrazione della Questura di Varese, con la collaborazione della Squadra Volanti, ha rintracciato ed espulso dall’Italia, accompagnandoli direttamente all’ aeroporto della Malpensa e imbarcandoli su un volo diretto nel loro Paese d’origine, due cittadini albanesi di 28 e 31 anni abitanti a Somma Lombardo e Varese.

Entrambi avevano riportato condanne in distinti procedimenti penali per spaccio di sostanze stupefacenti, oltre ad essere stati indagati per altri reati quali guida sotto l’influenza dell’alcool, minaccia ed estorsione. Proprio le condanne per spaccio di droga, anche se non definitive, hanno consentito al Questore di Varese, in applicazione della normativa introdotta nel mese di luglio del 2009 dal cosiddetto “pacchetto sicurezza” voluto dal Ministro Maroni, di allontanare immediatamente dall’Italia i due stranieri, che non potranno rientrare nel nostro Paese per dieci anni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.