Consegnata perizia al giudice, Merani spera in uno sconto di pena

Una nuova perizia ordinata dal gup Fazio apre la strada a una possibile seminfermità per uno dei due ragazzi arrestati per l'omicidio del 17enne Dean Catic

E’ stata consegnata al giudice, Giuseppe Fazio, il magistrato che conduce il processo con rito abbreviato
per l’omicidio del 17enne Dean Catic,la perizia psichiatrica disposta su  Jacopo Merani, uno dei due ragazzi arrestati per il delitto. Secondo il perito, è plausibile che il ragazzo durante le tre fasi dell’uccisione fosse parzialmente incapace di intendere e di volere. Lo affermano gli avvocati del giovane, i legali Alberto Zanzi e Fabio Ambrosetti,  che sperano nella seminfermità per una riduzione di pena. In particolare, lo psichiatra afferma, nelle conclusioni, che vi sarebbe stata «una grave compromissione», durante l’omicidio, della suddetta capacità di intendere e di volere del ragazzo, e che se dovesse vivere una sindrome da abbadandono potrebbe dirigere la sua rabbia cotnro se stesso, cioè si teme per la sua incolumità. La perizia sarà analizzata meglio nei prossimi giorni: era stata disposta dal giudice all’inizio del processo con rito abbreviato, per stabilire la "criminogensi" e la "criminodinamica" dell’episodio delittuoso. Mentre il prossimi 23 settembre è prevista una nuova udienza del processo che vede sul bancod egli imputati anche il complice Andrea Bacchetta.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.