Dal Gat le prime immagini della cometa Hartley

La foto è stata realizzata sugli Apennini piacentini da Lorenzo Comolli. Il prossimo 4 novembre una navicella spaziale ne osserverà da soli 700 km il nucleo di 2 km, ricavandone informazioni scientifiche di straordinario interesse

E’ iniziato con successo in queste settimane, per il GAT, Gruppo Astronomico Tradatese, uno dei programmi scientifici principali del 2010. Obiettivo: la  piccola cometa 103P/Hartley-2  sulla quale la NASA ha chiesto la collaborazione di astronomi professionisti e dilettanti di tutto il mondo.
La prima importante immagine del GAT (qui allegata) è stata realizzata sugli Appennini piacentini da Lorenzo Comolli, con un telescopio Newton auto costruito da  20 cm (f/6 ), Canon EOS 5D e posa totale 1 ora (somma di 6 pose da 10 min). Il nome della cometa deriva dal fatto che fu  la  seconda  scoperta dall’astrofilo australiano Malcolm Hartley  il 15  Marzo 1986. Il prefisso 103P  significa che la 103esima  cometa periodica conosciuta (ruota attorno al Sole in  6,41 anni). La ragione della necessità di seguire assiduamente  la cometa  è molto semplice:  il prossimo 4 Novembre  una navicella spaziale ne osserverà da soli 700 km  il nucleo di  2 km,  ricavandone informazioni scientifiche  di straordinario interesse.  La sonda  che scruterà Hartley-2 si chiama DIXI ( Deep Impact eXtended Investigation) ed il fatto straordinario è che non è alla sua prima missione: sotto il nome di Deep Impact, cinque anni fa (era il 4 Luglio 2005) aveva infatti avvicinato, fotografato e colpito con un missile il nucleo della cometa Tempel-1 (in quell’ occasione il GAT  raccolse l’invito della NASA, osservando la Tempel-1 al telescopio da 1,4 m di Merate). L’esplorazione della Tempel-1 fu un grande successo e, nel contempo la navicella ne uscì in perfette condizioni. Da qui l’ idea, nuova e fantascientifica, di lanciarla verso una seconda cometa. Parecchi  passaggi ravvicinati alla Terra (l’ultimo, decisivo, il 24 Giugno scorso) sono stati necessari per mettere DIXI sulla giusta strada verso Hartley-2. il 4 Novembre quindi ne vedremo delle belle.  Nel frattempo, però,  la piccola cometa, grazie ad un ‘orbita particolarmente favorevole,   sarà anche  perfettamente visibile e fotografabile da Terra. Nella notte del 30 Settembre sarà vicinissima a Schedar, la stella principale della costellazione di Cassiopea. Nella notte dell’ 8-9 Ottobre sarà a meno di 2° dal famoso Doppio ammasso di  Perseo. Il 18 Ottobre sarà vicino a Capella la stella principale della costellazione dell’ Auriga. Dal 18 al 23 Ottobre sarà nel pieno della costellazione dell’ Auriga e il 23 sfiorerà a 1° il famoso ammasso M37.  Il 20 Ottobre sarà alla minima distanza dalla Terra di soli 18 milioni di km (un record quasi assoluto !) e, probabilmente, visibile anche ad occhio nudo ( ma  il binocolo è sempre lo strumento migliore). Il 28 Ottobre sarà al  Perielio, ossia alla minima distanza dal Sole di  poco più di 150 milioni di km. Un percorso ottimale perché possano essere seguire con  continuità da astrofili di tutto il mondo, compresi naturalmente  gli studiosi del GAT di Tradate, che hanno una grande esperienza in fatto di comete.  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.