Diffamazione, la procura chiede rinvio a giudizio per Sgarbi

Lo sboccato critico d'arte aveva detto che a Morazzone c'è la mafia.

La procura di Varese ha chiesto il rinvio a giudizio, per diffamazione aggravata, di Vittorio Sgrabi. Lo sboccato critico d’arte aveva detto, durante una visita a Morazzone per contestare l’abbattimento della vecchia villa Bianchi, che nel piccolo paese c’è la mafia. Il sindaco l’aveva querelato. L’accusa è diffamazione aggravata.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.