Funghi e passeggiate, in montagna l’attenzione non è mai troppa

L'elenco delle vittime dei varesini morti nei boschi è lungo. Solo settimana scorsa toccò ad un carnaghese

Non sopravvalutare le proprie forze, avvisate amici e parenti dove vi recate, consultare il bollettino meteo. Pochi accorgimenti, ma preziosi e che possono salvare la vita: sono alcuni di quelli che offre il soccorso alpino, che insiste sulla sicurezza proprio in questo frangente, quando ci si avventura nei sentieri e a funghi o solo per una passeggiata. Tante volte in montagna la tragedia si accompagna al caso e colpisce anche escursionisti esperti. A volte, invece, basta un’ingenuità per pagare caro.
L’escursionista di Casalzuigno è solo l’ultimo dei casi di morti in montagna: il sindaco lo ricorda come un appassionato di funghi che spesso compiva uscite anche nei boschi di casa nostra: la tragedia che lo ha coinvolto è avvenuta in Svizzera.
Solo una decina di giorni fa toccò invece ad un imprenditore di Carnago che morì dopo una caduta rovinosa. Diversi negli anni passati i casi di cronaca che hanno visto varesini coinvolti in incidenti mortali.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.