Funghi e Zucche, i protagonisti di Piazza Turati

E’ programmata per domenica 3 ottobre, dalle ore 9 alle ore 18 la diciottesima edizione della manifestazione. Da mercoledì 29 serate a tema

E’ programmata per domenica 3 ottobre, dalle ore 9 alle ore 18 in piazza Turati a Cuirone di Vergiate, l’attesa manifestazione “Funghi e Zucche”, giunta alla diciottesima edizione.
Ricco il programma di questa edizione: la tradizionale mostra agricola, naturalistica, ambientale e di
civiltà contadina di domenica sarà preceduta, da mercoledì, da laboratori e conferenze al Centro
Sociale di Cuirone. L’iniziativa, organizzata dal circolo Legambiente Monte San Giacomo, in collaborazione con Legambiente Varese e il patrocinio del Comune di Vergiate e Parco del Ticino, è realizzato all’interno della “Biodomenica”, giornata nazionale per la diffusione dell’agricoltura biologica promossa da Aiab, Coldiretti e Legambiente.

Questi gli appuntamenti:
Mercoledì 29 settembre ore 20.30, ingresso libero: “Magica zucca”, laboratorio per cucinare la zucca e scoprire i moltepilici usi che se ne possono fare.

Giovedì 30 settembre ore 20.30, ingresso libero:
“Cibo, territorio, agricoltura”, tavola rotonda per discutere di agricoltura non invasiva e risposte alla
perdita di biodiversità nei nostri territori.
Intervengono Fulvio Fagiani, Agenda 21 Laghi, Ivanovic Rovetta, Slow Food, e Marzio Marzorati,
Legambiente Lombardia.

Venerdì 1 ottobre ore 20.30, ingresso libero:
“Energia alternativa? Il sole…ma non solo”, conferenza sulle energie rinnovabili con Heinz
Ossenbrink, ricercatore al CCR di Ispra.

Sabato 2 ottobre ore 19.00, ingresso su prenotazione:
“A tavola di Re AR-TU’”, laboratorio sperimentale condotto da Monica Antonioli dell’associazione “La Via di Casa”, dove l’arte culinaria si fa virtù.

Domenica 3 ottobre dalle 9.00 alle 18.00, piazza Turati:
“Mostra agricola, naturalistica, ambientale e di civiltà contadina”:
Funghi e zucche saranno ovviamente i protagonisti, ma ci saranno anche le mele, con la mostra
pomologica a cura dell’associazione “Buoni Frutti” e le api, presentate da appassionati apicoltori del
paese. E poi banchetti di produttori biologici locali, di artisti, associazioni ambientaliste, la mostra degli antichi mestieri, un laboratorio di autocostruzione spaventapasseri, un laboratorio sulla filiera della lana a cura dell’associaizone Arti&Mestieri. Tornano anche il concorso delle zucche da campo con premiazione di quella più grossa e quella più lunga, e il concorso del miglior spaventapasseri da campo.

«Il tema di quest’anno – dichiara Giorgio Zordan, presidente di Legambiente Monte San Giacomo –
sarà il “biologico glocal”: il biologico è infatti una grande opportunità per rispondere a livello globale
ad un’epoca di grande crisi climatica, alimentare ed economico-sociale. L’agricoltura biologica si propone infatti a livello locale come un modello in grado di fornire le migliori risposte valorizzando il sapere locale, la biodiversità ed il risparmio energetico, in un rapporto diretto fra produttore e cittadino/consumatore. Un modello che agisce a livello locale, ma che può riuscire ad
essere una risposta alla crisi globale».
Tutte le informazioni e i dettagli su come arrivare su:http://legambientefunghiezucche.blogspot.com/

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.