Gaultier firma la sua prima collezione di mobili

Realizzata in collaborazione con l’azienda Roche Bobois, comprende un letto un armadio un divano oltre ad alcuni accessori d'arredamento

Il famoso stilista francese Jean Paul Gaultier, re della moda avantgarde, firma la sua prima collezione di mobili per la casa, realizzata in collaborazione con l’azienda Roche Bobois.

Galleria fotografica

I mobili di Jean Paul Gaultier 4 di 6

La serie, presentata alla manifestazione parigina Designer’s Days, comprende un letto, nuove interpretazioni del celebre divano-cult Mah-Jong creato da Hans Hopfer nel 1971 e riedizioni di mobili disegnati da lui non per la produzione in serie e presentati al VIA nel 1992. Sarà in vendita nei negozi a partire dall’autunno.

La linea Roche Bobois by Jean Paul Gaultier comprende dunque innanzitutto alcune sue «vecchie» creazioni di arredamento realizzate nel 1992. Jean Paul concepì per il Via, organismo francese di sperimentazione nel settore dei mobili, alcuni pezzi ora rieditati: la poltrona Ben Hur, simile a quella dei carri dei gladiatori, in velluto rosso (o verde) e che si sposta su due ruote. Oppure mobili composti di valigiette e bauli, tipo cassetti. Quelle creazioni, finora unica incursione dello stilista nell’arredamento, non erano state prodotte in serie: ora sì, insieme alle due novità rappresentate dal letto e dall’armadio – paravento, entrambi su ruote.  Gaultier ha poi rivisto a modo suo il divano Mah-Jong, uno dei pezzi simbolo di Roche Bobois: modulabile, dai cuscini intercambiabili, distribuiti sul pavimento. Prima di lui, già Missoni e Kenzo avevano fornito la loro versione di questo divano, inventato nel 1971 da Hans Hopfer.
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 settembre 2010
Leggi i commenti

Galleria fotografica

I mobili di Jean Paul Gaultier 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.