I lettori: “Spari non solo a Comabbio”

Da Monvalle a Bodio, da Casciago a Calcinate: diverse le segnalazioni dopo la lettera di denuncia dei lettori che si lamentavano delle doppiette in pista ciclabile

Premessa: a stagione venatoria avviata, è normale sentire gli spari dei fucili, che per legge possono anche avvenire molto vicini a immobili o fabbricati. Certo, se questo accade in un centro abitato o dove c’è passaggio di persone è naturale che qualcuno si lamenti. Proprio come accaduto ai lettori che hanno mandato una mail a varesenews indignati dalla presenza delle doppiette in pista ciclabile a Comabbio. Dai commenti emerge però un quadro più complesso. Scrive infatti Francesca Fagioli: “Buongiorno volevo segnalare che anche nella zona di Bodio Lomnago nel prato dietro villa Purricelli e vicino all’asilo in Via dei Frassini i cacciatori sparano vicino alle case e alla strada ci siamo già trovati più di una volta i pallini in giardino e un po di anni fa hanno persino colpito il nostro gatto che era su un albero”.
Abbiamo composto una mappa cartina spariprodotto delle segnalazioni finora arrivate tramite commenti: non vengono segnalati episodi di lesioni o persone ferite, ma in molti si preoccupano del fatto che tanti cacciatori armati nei boschi o nelle zone frequentate da amanti della caccia vuol dire aumento di rischi potenziali (in rosso le zone segnalate dai lettori, specificando che il nucleo faunistico della polizia provinciale ha affermato di aver ricevuto segnalazioni solo per la pista ciclabile introno al Lago di Varese ). La domanda di fondo, tra i commenti più ragionevoli pubblicati da varesenews è questa: “Si deve intervenire solo una volta avvenuta una disgrazia?”. Domanda legittima. Quindi riteniamo rappresenti un servizio agli amanti della natura e delle passeggiate all’aria aperta rilanciare ciò che altri lettori hanno segnalato.
Scrive Gianpiero: “Anche sulla pista ciclabile di Varese il "problema" si pone: l’altra sera stavo correndo verso le 18 ed ho sentito un botto parecchio forte all’altezza della rotonda della Schiranna”; idem Mauro: “La cosa non mi meraviglia affatto..qualche tempo fa mentre passeggiavo tranquillamente col mio cane sulla pista ciclabile nella zona passatore/volo a vela, pochi istanti dopo aver sentito uno sparo sono stato "colpito" da alcuni pallini fortunatamente in caduta…ovviamente qualcuno ha pensato bene di sparare in direzione provinciale…”
Claudia e la sua cagnolina Lana hanno un suggerimento, che purtroppo non potrà essere seguito dai più: passeggiare in settimana: “Anche nelle vicinanze campeggio di Monvalle sparano, nonostante nel bosco ci siano i sentieri dove passa la gente…….con la mia cagnolina vado nel bosco solo Martedi e Venerdi….almeno sono sicura che non le sparano”. E ancora Anna: “Anche a Casciago oltre a colpi relativamente distanti se ne sentono talvolta di molto molto vicini”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.