Il digitale terrestre penalizzerà le tv locali?

Ancora polemica sull'allocazione dei canali, che con la nuova tecnologia è fissa. Le tv locali potrebbero non rientrare nei primi 10 numeri del telecomando

Rivedere nel piano nazionale per la televisione digitale terrestre messa a punto dall’Agcom la numerazione individuata, perché esclude dai primi nove canali automatici le tv locali, inducendo in questo modo nel telespettatore l’idea che tali emittenti siano in una fascia di importanza subordinata rispetto alle televisioni nazionali.

È questo l’invito che parte dalla Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative regionali guidata dal Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Davide Boni che domani 8 settembre si riunirà a Roma, alle 11,30, con i Presidenti dei Comitati regionali delle comunicazioni delle regioni italiane per fare il punto sulla situazione e stabilire le iniziative utili da adottare in vista anche dell’incontro urgente richiesto dalla Conferenza al Presidente di Agcom Corrado Calabrò.

“La singolare decisione dell’Agcom- afferma il Presidente Boni – mette in serissima difficoltà le imprese televisive locali che si sono conquistate negli ultimi tre decenni spazi di mercato grazie all’impegno e alla professionalità di giornalisti e tecnici, assolvendo nel contempo alla completezza dell’informazione pubblica. Inoltre – aggiunge il Presidente della Conferenza dei Presidenti dei Consigli regionali – l’emittenza locale, in un panorama costellato dalla globalizzazione dell’informazione, che tende ad un appiattimento verso modelli mutuati dall’esterno, ha sinora svolto un ruolo essenziale nell’assicurare la tutela dei valori identitari del regionalismo italiano, preservando la cultura locale”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.