Il pm nega il dissequestro della casa di Piccolomo

Istanza rigettata, non è escluso che in futuro possano emergere nuovi indizi

E’ stata rigettata dal pm Luca Petrucci l’istanza di dissequestro della casa di Ispra di Giuseppe Piccolomo (nella foto a sinistra), l’artigiano accusato di aver assassinato lo scorso novembre Carla Molinari e di averle mozzato le mani per far scomparire le prove, dopo che la anziana si era difesa graffiando la faccia del suo aggressore.

L’avvocato dell’indagato – rinchiuso in carcere dalla fine di novembre del 2009 – Simona Bettiati aveva presentato la richiesta per permettere alla moglie di “Pippo” di tornare in Italia.

La donna vive da un anno in Marocco
con le due figlie avute dal presunto killer, e non è mai tornata da allora nel nostro paese per incontrare il marito. Secondo la procura permangono esigenze probatorie, benché sia già stato depositato l’avviso di conclusione indagini.

Una decisione che, in linea teorica, non esclude la possibilità che in futuro possano emergere nuovi indizi, che richiedano altri rilievi.  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.