Il Varese crea ma non segna, pari giusto con l’Empoli

Secondo 0-0 davanti agli oltre 5mila di Masnago. I biancorossi non concretizzano le proprie palle-gol e rischiano grosso in un paio d'occasioni. Si rivede Ebagua, piace Carrozza, non brilla invece Buzzegoli

Secondo 0-0 casalingo consecutivo per il Varese che non riesce a scardinare un Empoli ben messo in campo da Aglietti. Risultato giusto al Franco Ossola, perché se la squadra di Sannino ha fatto la partita per gran parte del tempo, è altrettanto vero che i toscani hanno avuto le migliori occasioni, con un palo e una parata determinante di Moreau. L’impressione, al fischio finale, è quella di una squadra che non è riuscita a chiudere i conti quando ha avuto i palloni buoni e la condizione migliore (cioè nel primo tempo), e in effetti questa è la stessa idea di Sannino in sala stampa. Cellini, soprattutto, si è visto poco, mentre Neto quando è rientrato per fare il rifinitore ha illuminato la manovra. Bene Carrozza, che ha spinto a lungo in fascia senza rinunciare ad andare al tiro; piuttosto è stata una giornata dura in mezzo, dove Buzzegoli ha trovato pochi spunti e Corti ha alternato ai soliti recuperi qualche errore di troppo. L’undici biancorosso comunque è promosso dopo il terzo esame difficile della sua stagione; tra sette giorni a Bergamo ci sarà un Albinoleffe ferito e arrabbiato, motivo per cui le sbavature dovranno essere ridotte al minimo.
 
COLPO D’OCCHIO – Dopo l’Atalanta anche l’arrivo dell’Empoli richiama a Masnago un grande pubblico per sostenere il Varese (ben oltre le 5.000 presenze). Rispetto al match con i bergamaschi il clima è ideale per giocare a calcio e all’esterno non si segnalano problemi. Tantissimi, ed è una piacevole novità, gli striscioni biancorossi sugli spalti, a rappresentare comuni e frazioni di tutto il Varesotto. Pochi i sostenitori toscani che, senza tessera del tifoso, come da regolamento prendono posto tra i distinti con la curva sud deserta: una situazione che sfiora l’assurdo.
 
CALCIO D’INIZIO – Come da previsione Sannino conferma gli undici giocatori titolari delle prime due partite. La vera novità è in panchina, dove prende posto Giulio Ebagua con un tutore sul braccio infortunato; per lui gli applausi di tutta Masnago. Empoli che conferma il modulo con tre rifinitori alle spalle di Coralli; in porta il giovane Pelagotti al posto del nazionale sloveno Handanovic.
 
IL PRIMO TEMPO – Dopo gli avvii sprint con Toro e Atalanta, la partita con l’Empoli comincia all’insegna dello studio reciproco tra le due squadre anche se le occasioni, col passare dei minuti non mancheranno. Nel complesso è il Varese a condurre le danze ma il gioco resta confinato a metà campo fino al 14’ quando Cellini di tacco fa da sponda al destro di Buzzegoli che chiama Pelagotti all’intervento di pugno. Aglietti perde Nardini per un problema fisico (entra Lazzari) ma al 18’ è ancora Varese con una gran combinazione nata da un colpo di tacco di Buzzegoli e conclusa con un tiro-cross violento di Carrozza che il portiere allontana.
neto pereiraIntorno al 25’ doppio brivido: l’Empoli rompe per un istante la supremazia biancorossa con una punizione di Musacci che centra il palo esterno alla sinistra di Moreau (apparso comunque sulla traiettoria). Sul ribaltamento un’azione prolungata di Carrozza prosegue con un pallone battuto da Zecchin ma Pelagotti è bravissimo a sventare. L’Empoli si conferma ben messo in campo e il Varese fatica a scardinarlo; ci riesce al 35’ Neto con un passaggio in profondità per Zecchin ma sul più bello Cellini viene anticipato a centro area. Il brasiliano di Sannino si riaccende al 40’ ancora nel ruolo di ispiratore: suo il cross per la mezza girata di Carrozza che sfila di un soffio a lato.
Prima del riposo, di colpo, altre tre occasioni: prima Moreau è un gigante in uscita su Coralli, tenuto in gioco da Camisa, poi il cross di Zecchin non arriva di un soffio a Cellini e il destro di Neto (foto di S. Raso) è fuori misura di un metro. Ci sarebbe pure il primo corner per i padroni di casa, ma l’arbitro Tozzi fischia la fine al momento della battuta e si becca qualche insulto.
 
IL SECONDO TEMPO – Si comincia con l’Empoli subito molto pericoloso: su azione d’angolo Stovini perde il tempo ma Valdifiori ci arriva: tocca ancora a Pisano immolarsi e respingere. Poco dopo è Lazzari, in combinazione con Coralli, ad arrivare in area: Moreau sventa e costringe il 7 ospite all’ammonizione. Occorrono 13’ per vedere il Varese (che, fiutato il pericolo, alza il baricentro) di nuovo pericoloso, però Zecchin calcia altissimo di prima intenzione una palla rimasta al limite dell’area. I toscani collezionano cartellini (Valdifiori e Moro in meno di 1’) ma sa chiudersi bene sulla trequarti, interferendo con le trame di un Buzzegoli giù di giri. Sannino se ne accorge e toglie “Buba” per inserire Osuji, mentre Tripoli rileva uno Zecchin attivo ma forse non decisivo. Altro rischio nell’area del Varese: questa volta Moreau non è perfetto ma in mischia Lazzari tocca alto.
I biancorossi intorno alla mezz’ora crescono e soffocano la retroguardia biancoblu che in diverse occasioni fatica a rilanciare. Arriva anche un’occasione con Carrozza: tiro dal limite respinto con intervento brutto ma efficace da Pelagotti. Sannino cambia ancora al 35’ e fa alzare Ebagua per sostituire Neto in un momento in cui manca qualche idea in mezzo al campo. Cellini al 40’ vede il nigeriano, ma un intervento provvidenziale di un difensore mette la palla in angolo al momento del cross. Finisce senza altre note sul taccuino e l’equilibrio proseguirà nelle interviste: varesini rammaricati per la poca concretezza, empolesi che recriminano sottovoce per non aver sfruttato due palle d’oro. Hanno ragione entrambi, il pari è il risultato più giusto.

Galleria fotografica

Varese-Empoli 0-0 4 di 13
Varese-Empoli 0-0 (0-0)
 
Varese: Moreau; Pisano, Pesoli, Camisa, Pugliese; Zecchin (Tripoli dal 18’ st), Buzzegoli (Osuji dal 18’ st), Corti, Carrozza; Cellini, Neto Pereira (Ebagua dal 35’ st). All. Sannino. A disp.: Café, Frara, Coly, Figliomeni.
Empoli: Pelagotti; Vinci, Stovini, Mori (Tonelli dal 20’ st), Gorzegno; Moro, Musacci; Nardini (Lazzari dal 15’ pt), Valdifiori, Cesaretti (Foti dal 32’ st); Coralli. All. Aglietti. A disp.: Addario, Gotti, Fanucchi, Michedlidze.
Arbitro: Tozzi di Ostia Lido (Melloni, Preti; IV° uomo Penno).
Note. Giornata tiepida e nuvolosa, terreno in ottime condizioni. Ammoniti: Pesoli, Stovini, Lazzari, Corti, Valdifiori, Moro. Calci d’angolo: 4-3 per il Varese. Spettatori:. 5.176.

LE INTERVISTE

LE PAGELLE

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 settembre 2010
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Varese-Empoli 0-0 4 di 13

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.