Il Varese domina, il Frosinone vince

Biancorossi sconfitti 1-0 nel Lazio con una punizione deviata dalla barriera. Non basta una decina di palle gol per battere Sicignano: in vista del Novara la classifica si fa difficile

Fossimo a un incontro di boxe, l’arbitro avrebbe assegnato il ko tecnico a favore del Varese alla fine del primo tempo. Siamo a una partita di calcio e la cronaca dice che a Frosinone i padroni di casa si sono messi in tasca i tre punti ai danni dei biancorossi, sconfitti 1-0 nonostante un primo tempo dominato e una serie di occasioni mancate lunga come la strada che divide la Città Giardino dal capoluogo ciociaro. Due gol annullati a Dos Santos (pare giustamente, anche se sul secondo il dubbio rimane), un paio di interventi salva-risultato del portiere di casa, una traversa di Neto che è una rete divorata dal piede più buono del Varese, tre o quattro palle beffarde che finiscono fuori di poco: tutto tranne il gol che invece arriva dalla parte opposta nel modo più cinico. Punizione calciata male, sfera che rimbalza sulla barriera e che spiazza Zappino: peggio di così si muore. E tra otto giorni a Masnago arriverà un Novara supergasato dal 4-1 inflitto al Livorno e dal secondo posto in classifica: l’avversario sulla carta meno adatto a ripartire, ma anche lo stimolo maggiore per un Varese che paradossalmente continua a guadagnare consensi senza però fare punti. Che fare dunque? Oltre a munirsi di cornetti, zampe di coniglio e ferri di cavallo, bisognerà trovare il modo di diventare più cinici nella tre quarti avversaria: dopo sei partite le reti segnate sono ferme a quattro. Provarci purtroppo non è sufficiente, e la classifica inizia a mettere qualche preoccupazione.
 
CALCIO D’INIZIO – Alessandro Frara non è l’unica novità proposta da Sannino allo stadio “Matusa”: in porta va infatti l’ex di turno Zappino (applaudito dai fans ciociari) mentre a fianco di Neto gioca Giulio Ebagua, che torna titolare dopo alcuni mesi. Il Varese, supportato da un bel drappello di tifosi, torna finalmente a vestire la maglia rossa. A proposito di ex, conferma da titolare anche per Davide Bottone, passato anche al Franco Ossola.
 
IL PRIMO TEMPO – Un Varese furioso domina, senza segnare, i primi 10’ di gioco: le palle gol fioccano con Sicignano che deve subito salvare sul diagonale di Buzzegoli e soprattutto con una traversa di Neto che da vicino avrebbe potuto e dovuto fare meglio. Ci vogliono 12’ per vedere il Frosinone che è pericolosissimo, perché su palla dalla sinistra Caetano anticipa tutti e centra il palo. I biancorossi però non tremano e al 17’ ancora Neto costringe alla paratona Sicignano dopo un’invenzione di Buzzegoli che serve il brasiliano di “prima” nel cuore dell’area. E al festival del quasi-gol partecipa anche Dos Santos che in realtà la palla in rete la infila al 24’; l’arbitro però annulla per posizione di fuorigioco del difensore, fischio che appare giusto. Stessa decisione una decina di minuti dopo quando Claiton si incunea su una sponda di Pesoli, anticipa Sicignano e rimette in rete (foto di S. Raso): anche in questa occasione l’esultanza è spenta dal guardalinee che segnala l’off side del brasiliano. Nella circostanza il portiere del Frosinone resta a terra qualche minuto e si rimette in porta con un vistoso cerotto che non gli impedisce, poco dopo, di deviare in angolo un tiro in controbalzo di Pisano.
 
LA RIPRESA – Al Varese non ne va una giusta e lo si vede subito dopo l’inizio del secondo tempo quando il Frosinone passa a condurre: c’è una punizione sulla trequarti che Lodi va a battere, il suo tiro centra la barriera (Ebagua) ma la palla cambia completamente la direzione e spiazza l’incolpevole Zappino. La risposta di Sannino è un cambio di modulo: dentro la terza punta Cellini (per Carrozza) e centrocampo che diventa a tre giocatori. La partita si innervosisce su un battibecco tra Santoruvo e Zappino, in campo si rivede anche Armenise – all’esordio stagionale – che rileva un Pugliese poco brillante mentre Carboni si copre inserendo Cariello. Il Frosinone riesce ad addormentare la gara, eccezion fatta per un “piattone” destro di Frara su sponda di Cellini che si spegne a lato (24’). Sannino si gioca allora l’ultima carta, con Tripoli al posto di Buzzegoli ma è sull’asse Neto-Ebagua che arriva un altro quasi-gol, con palla a lato di pochi centimetri. Manca ancora parecchio tempo ma il Varese appare sgonfio e incapace di trovare le giuste geometrie: Frara e Tripoli non azzeccano un passaggio, Cellini finisce nella morsa della difesa, Neto ed Ebagua non si vedono più anche se il nigeriano prova la rovesciata su cross di Armenise, bravo sulla sinistra. L’ultimo tentativo è ancora di Giulio, destro potente da fuori area, ma Sicignano può lasciare sfilare a lato: finisce così e ancora una volta c’è un boccone amaro da mandare giù.

Galleria fotografica

Frosinone-Varese 1-0 4 di 15
Frosinone – Varese 1-0 (0-0)
 
Marcatori: Lodi (F) al 2’ st
 
Frosinone: Sicignano; Bocchetti, Guidi, Terranova, Catacchini; Lodi, Bottone, Biso (Cariello dal 18’ st), Basso (Sansone dal 25’ st); Caetano; Santoruvo. All. Carboni.
Varese: Zappino; Pisano, Pesoli, Dos Santos, Pugliese (Armenise dal 16’ st); Frara, Buzzegoli (Tripoli dal 26’ st), Corti, Carrozza (Cellini dall’8’ st); Ebagua, Neto Pereira. All. Sannino.
Arbitro: Corletto di Castelfranco Veneto (Segna e Costanzo).
Note. Giornata serena, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Dos Santos, Santoruvo, Zappino. Calci d’angolo: 6-4.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 settembre 2010
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Frosinone-Varese 1-0 4 di 15

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.