In tutta Italia è tempo della Settimana della Chiropratica

Dal 25 al 30 ottobre una incontri e convegni per vincere senza farmaci la cefalea tensiva e conoscere tutti i benefici della Chiropratica

La settimana della chiropratica in programma dal 25 al 30 ottobre punta quest’anno i riflettori sulla
cefalea tensiva, la più diffusa tra i circa 150 tipi di mal di testa che colpiscono di preferenza le
donne ma anche numerosi uomini. All’iniziativa, promossa dall’Associazione Italiana Chiropratici,
aderiscono molti dottori in chiropratica di tutta Italia che apriranno i loro studi per un checkup
chiropratico gratuito. Per individuare lo specialista più vicino a casa propria si può telefonare
in orario 9-12 e 14,30-17,30 al numero verde 800017806: si otterrà l’indirizzo a cui rivolersi per
prenotare il checkup nelle date prestabilite ovvero dal 25 al 30 ottobre. Allo stesso numero verde
dalle ore 16 alle 18 dal 25 ottobre sino al 29 ottobre si possono ricevere consulenze gratuite da
parte dei dottori Simona Pasquetto e Stefano Maioli che hanno conseguito in Italia la laurea in
medicina e in Usa quella in chiropratica.
E’ un’occasione per informarsi su come prevenire e curare la cefalea tensiva senza farmaci:
la chiropratica usa infatti solo tecniche manuali in grado di ripristinare o mantenere la corretta
funzione vertebrale (indispensabile condizione di benessere) che può tra l’altro essere
compromesso da posture scorrette, traumi fisici ed emotivi, malocclusioni dentali o da un eccesso di
stress. Sono proprio queste le principali cause della cefalea tensiva che irrigidiscono le articolazioni
delle vertebre cervicali, provocando una contrazione muscolare continua a livello di collo e spalle
che, a lungo andare, comporta una sintomatologia dolorosa nella zona della nuca ma anche delle
tempie e intorno agli occhi.
“Circa il 12 per cento dei pazienti si rivolge al chiropratico proprio in seguito a questi disturbi”,
spiega John Williams, presidente dell’Associazione Italiana Chiropratici (Aic), “ottenendo buoni
risultati sia nella riduzione dei sintomi dolorosi, sia nella prevenzione. Un controllo chiropratico
periodico permette infatti di individuare e correggere tempestivamente eventuali alterazioni
vertebrali prima che cronicizzandosi rendano più lunga la loro guarigione. Il chiropratico è inoltre
in grado di dare indicazioni per mantenere una postura corretta, consigliare esercizi fisici mirati
ed eventualmente indirizzare ad altri specialisti (dentisti, psicologi…) per terapie specifiche”. E’
importante precisare che le tecniche chiropratiche sono indolori e di diverso tipo: si va per esempio
dallo sfioramento della zona dolente alla pressione esercitata manualmente in particolari zone del
corpo.
Va inoltre sottolineato che l’iniziativa dell’Associazione Italiana Chiropratici è anche
un’opportunità per conoscere tutti gli altri benefici della chiropratica (prevenzione e cura
del mal di schiena anche in gravidanza e dopo il parto, ernie del disco, protusioni discali, ma si
ottengono risultati anche in caso di vertigini, senso di stanchezza, ansia così come c’è la possibilità
di alleviare, se non risolvere, disturbi derivanti da artrosi e rallentare il processo degenerativo
a carico della colonna vertebrale e delle strutture connesse) e comprendere la sua utilità per
mantenersi in buona salute. Compito di questa disciplina, ormai riconosciuta dal 2008 anche in
Italia come professione sanitaria, è infatti individuare e rimuovere senza il ricorso a farmaci le
cause delle sublussazioni vertebrali quelle disfunzioni, o meglio alterazioni biomeccaniche, della
colonna vertebrale che schiacciando e irritando i nervi spinali protetti dai dischi vertebrali possono
interferire nella corretta trasmissione degli impulsi al sistema nervoso compromettendo il benessere
dell’organismo.
Attenzione, però, per essere sicuri di mettersi in buone mani è indispensabile rivolgersi a un
dottore in chiropratica che abbia conseguito il titolo dopo almeno cinque anni di studi presso
uno dei College riconosciuti dalla Federazione Mondiale della Chiropratica ( World Federation of Chiropractic) che ha per interlocutore l’Organizzazione mondiale della sanità. In attesa di
un registro dei dottori in chiropratica informazioni in merito si possono ottenere contattando
la segreteria dell’Associazione Italiana Chiropratici tel. 010/5533036 – 800017806 o il sito
www.chiropratica.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.