La Fondazione Bandera riapre la stagione con Elena Mezzadra

L'area espositiva di via Costa ospita le opere di una grande artista dell'arte contemporanea milanese

La Fondazione Bandera apre la stagione espositiva con una grande mostra dedicata all’artista milanese Elena Mezzadra che ha legato il proprio nome in particolare alla mitica Galleria delle Ore (Milano), divenendo uno dei nomi chiave dell’astrattismo lombardo, tanto da ricevere l’omaggio del PAC già a metà anni Novanta.

La pittura di Elena Mezzadra (nella foto una sua opera), che da un punto di vista tecnico pare quasi secentesca (per la devozione alla cura delle tinte e per l’uso di infinite velature di colore), è invece assolutamente “moderna” da un punto di vista formale, secondo la lezione di artisti come Afro e Scanavino, ma soprattutto dell’espressionismo astratto americano e in particolare di Franz Kline. Il suo astrattismo non informale – perché composto di figure geometriche, solidi e piani, che si intersecano tra di loro in una quasi monocromia “accesa” da profondi tagli di luce – è in un certo senso sempre uguale a se stesso, quasi ossessivo, ma riesce a non stancare per la sua intensa carica emotiva.

Vernissage con musica dal vivo sabato 25 settembre ore 18 con presentazione del catalogo, 500 copie di cui 99 in edizione limitata con un’incisione originale dell’artista.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.