“La fortuna…”: un seminario per prevenire il gioco d’azzardo patologico

L'illusione di vincere e il dramma del gioco d'azzardo: il 10 settembre al Teatro del Popolo una giornata di studi organizzata dall'AND

Poche parole, molti fatti. Ecco in sintesi il motto dell’associazione AND – Azzardo e Nuove Dipendenze la cui pluriennale attività nell’ambito della prevenzione al gioco d’azzardo patologico – dagli esiti concreti e valutabili – verrà presentata nel corso di una giornata di studi rivolta agli operatori, suggestivamente denominata “La fortuna…”, che si terrà il 10 settembre 2010 a Gallarate presso il Teatro del Popolo in Via Palestro 5.
 
Il seminario, realizzato con il sostegno del GAT-P, ha ricevuto il patrocinio di numerosi Enti quali la Regione Lombardia, la Provincia di Varese e l’ASL provinciale, i Comuni di Gallarate, Samarate e Varese, oltre ad istituzioni scientifiche quali l’Ordine degli Psicologi Lombardi, la Sip.Dip, il Coordinamento Gruppi per Giocatori d’azzardo, l’associazione ERIT-Italia, l’associazione AGITA – ex Giocatori in Trattamento, e ALEA – l’associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio.
 
Il noto disegnatore satirico Valerio Marini ha eloquentemente illustrato la locandina.
 
A testimonianza della serietà scientifica del lavoro svolto sarà presente e terrà una lezione magistrale il Prof. Robert Ladouceur, esperto canadese che, con la sua équipe dell’Università di Laval, ha anche contribuito alla realizzazione di alcuni dei progetti presentati fornendo materiali, valutazioni e strumenti di elaborazione.
 
Saranno esposti gli studi promossi da AND, con particolare attenzione alla valutazione dei risultati ottenuti e verranno distribuiti i prodotti e gli strumenti realizzati ad uso dei partecipanti che vorranno cimentarsi in questa complessa materia.
Non prosopopea circa ipotetici progetti futuri, ma testimonianza di azioni concrete.
Saranno presentati: il filmato di “Lucky”, che riguarda le probabilità di vincita (dedicato ai pre-adolescenti) – realizzato in collaborazione con l’ASL di Sondrio; il filmato sulle storie di giovani giocatori “Storie di Gioco” (dedicato a chi si trova nella tarda adolescenza) in collaborazione con la Provincia di Milano e l’ASL Milano1; le cartoline di sensibilizzazione del disegnatore Marini e la guida “Scommettiamo che non lo sai? Una guida cartacea sui rischi del gioco d’azzardo” predisposta su mandato del Ministero dell’Istruzione; gli spot radiofonici sul gioco prodotti da ragazzi grazie ad un finanziamento della Regione Lombardia; il sito WEB di AND (www.andinrete.it ), la cui sezione per i ragazzi e gli educatori è stata realizzata con un contributo della Provincia di Varese; un’esperienza di prevenzione strutturale territoriale (ordinanze, sensibilizzazione e sportello di orientamento) attuata nel Comune di Samarate che vedrà intervenire anche l’Assessore Albino Montani che esporrà l’ordinanza sulle sale gioco emessa a febbraio 2010.
 
Ottima l’adesione: 72 iscritti (17% da Varese e provincia, 26% da altre zone della Lombardia; 21% dal Cantone Ticino; 12% dall’Emilia e Marche; 7% dal Piemonte e Valdaosta; 7% dalla Toscana; 6% dal Veneto e 4% dalla Liguria).
Un’occasione unica per ricevere i materiali prodotti, per condividere i protocolli di utilizzo, e che è stata colta da chi già si occupa di questo problema per mettersi in rete con una tra le realtà italiane più vivaci e rappresentative in materia di gioco d’azzardo e prevenzione di comportamenti eccessivi correlati.
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.