La nuova Europa: sostenibilità e biodiversità

Al via la nuova edizione del progetto, Giovani Ambasciatori europei a scuola

La Rappresentanza a Milano della Commissione europea e l’Ufficio a Milano del Parlamento europeo lanciano una nuova edizione del progetto Giovani ambasciatori europei – "La nuova Europa: sostenibilità e biodiversità" – per l’anno scolastico 2010-2011.

I giovani "ambasciatori" andranno nelle scuole secondarie di secondo grado delle otto Regioni del nord Italia per parlare agli studenti del nuovo assetto istituzionale dell’Unione europea e delle attuali sfide a cui tutti i cittadini sono chiamati a far fronte. Quest’anno il tema scelto è quello dello sviluppo sostenibile sul quale l’Europa gioca un ruolo decisivo. L’inquinamento non si ferma alle frontiere e senza una strategia comune a livello europeo quest’impegno sarà vano.

Con l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, l’Unione europea ha adattato la propria struttura ai 27 Stati membri che la compongono, allargando e rafforzando le proprie competenze e ponendosi obiettivi ambiziosi. Tra essi, in particolare, la salvaguardia dell’ecosistema e la lotta ai cambiamenti climatici, settori nei quali l’Europa è all’avanguardia.

Gli incontri saranno l’occasione per informare i giovani della nuova strategia europea e per discutere di ciò che tutti i cittadini possono fare nella vita quotidiana per contribuire a preservare la biodiversità e l’ambiente. Per le Nazioni Unite il 2010 è l’anno internazionale della biodiversità.

Il successo delle passate edizioni – 300 scuole visitate e 17.000 studenti incontrati fino a oggi – dettato dall’innovativo approccio "peer-to-peer" degli ambasciatori con le classi ha spinto la Commissione e il Parlamento europeo a investire anche quest’anno nel confronto dialettico tra l’Europa e i giovani.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.