“La tv che non c’è” di Gilberto Squizzato: la riforma necessaria della Rai

Venerdì 1° ottobre allo spazio ScopriCoop di via Daverio un incontro con il regista e giornalista bustocco. Libertà e democrazia della tv pubblica di fronte al potere della pubblicità e della politica

Televisione di pessima qualità, schiava della pubblicità; una Rai sempre più simile alla concorrenza e condizionata in modo sempre più pesante ed evidente dalla politica e dalla rincorsa "al ribasso" ad una audience che pure comincia a sfuggire.
Che fare? A dare qualche risposta prova un "insider" come il bustocco Gilberto Squizzato, giornalista e regista, in Rai dal 1979, con un libro coraggioso e lucido: "La tv che non c’è: come e perché riformare la Rai".
UniversAuser Varese, in collaborazione con Acli zona Varese, Arci Film Studio’90, AIART , CoopLombardia organizza per venerdì 1° ottobre alle ore 18,00 allo Spazio ScopriCoop di via Daverio a Varese una presentazione e discussione del libro di Gilberto Squizzato.
Intervengono con l’autore:
Stefano D’Adamo, collaboratore di VareseNews
Fabrizio Galimberti, Presidente dell’AIART di Varese

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.