Mortale sull’Autolaghi, perizia cinematica per accertare la dinamica

Si attende un responso definitivo, disposto dall'autorità giudiziaria, sull'ultimo dramma in autostrada costato la vita a un 30enne motociclista di Verghera di Samarate

Sull’incidente costato la vita alle 4 di notte di sabato 4 settembre al 30enne Simone Lirio di Samarate la Procura di Busto Arsizio, nella persona del magistrato di turno Luca Gaglio, ha disposto una perizia cinematica. Atto dovuto per stabilire definitivamente la dinamica dell’accaduto. Il giovane è rimasto ucciso per le conseguenze della caduta dalla sua Ducati mentre, di ritorno da una festa, insieme ad un altro amico motociclista e ad altri conoscenti in auto aveva imboccato l’autostrada in direzione Varese e stava per raggiungere l’uscita di Busto Arsizio. Lì il contatto fatale con una Golf i cui occupanti erano diretti all’aeroporto a Malpensa per prendere un aereo, e il primissimo soccorso da parte di due volontari del 118 fuori servizio, accortisi del dramma. Purtroppo non c’è stato nulla da fare e il ragazzo, apparso subito in condizioni disperate, è morto poco dopo il trasporto all’ospedale. Le altre persone coinvolte nell’incidente hanno poi notificato alla Polstrada le proprie generalità: il conducente dell’auto con cui è avvenuto l’urto fatale, che ha coinvolto una fiancata posteriore della vettura, si è sottoposto all’alcooltest con esito negativo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.