Nathalie, l’integrazione arriva a ritmo di danza

A dodici anni lasciò lo Sri Lanka per seguire la famiglia. Dal suo paese ha portato con sè la passione per la Bollywood dance che sta conquistando il mondo occidentale

Un momento della sua esibizione all'ultima Fiera di VareseNathalie non si può certo dire sia una ragazza fortunata. A dodici anni ha lasciato il suo paese, lo Sri Lanka, per raggiungere il padre, partito in cerca di fortuna e di un lavoro. Ancora adolescente, Nathalie si è trovata catapultata in quel di Gavirate, dove il padre era stato assunto come custode di una villa. Si è lasciata alle spalle i suoi amici, le sue compagne e soprattutto, la sua grande passione, la danza che studiava dall’età di 4 anni con un’insegnante diventata ben presto il suo punto di riferimento.

Galleria fotografica

La danza che integra 4 di 12

In un paese straniero, Nathalie ricomincia da capo. Nuova scuola, nuovi amici. Ma la danza no, quella continua ad essere la sua vecchia passione che ora coltiva nella sua stanza, davanti allo specchio con alcuni video che si fa spedire direttamente dall’antica Cylon.

Così passano gli anni, Nathalie ormai si è integrata nella realtà di Gavirate e occasionalmente si esibisce davanti agli amici o nelle feste dell’intercultura che il polo scolastico locale organizza ogni fine anno.

Poi arriva il fenomeno "Milionarire", il film di Danny Boyle che si aggiudica ben 8 statuette agli Oscar. Per Nathalie è la svolta. La sua passione, quasi sconosciuta, esplode nel mondo: la Bollywood diventa un fenomeno di massa.
Così Nathalie e la sua arte diventano ricercate: ottiene un corso di danza a Milano e viene chiamata a esibirsi in pubblico dove miete successi.  Con la "fama" arriva l’amore di un ragazzo italiano che rimane rapito dalla sua grazia e dal suo modo di fare.

Una vita affrontata con passione che oggi, a dieci anni dal suo arrivo in Italia, la catapulta in una nuova esperienza: Nathalie con il fidanzato e il fratello hanno aperto un locale etnico la Siesta Cylon, proprio a Varese in via Manin. Un pub dalle atmosfere orientali dove si può gustare la cucina cingalese. Niente esibizioni, in questo locale lei serve ai tavoli dopo aver preparato i dolci.

La danza, però, continua a rappresentare la sua grande passione: in una delle feste dell’istituto scolastico di Gavirate Nathalie incontra Ileana Maccari, una vero punto di riferimento a Varese per la danza del ventre e per tutte le forme d’espressione artistiche antiche. Dall’incontro nasce una nuova collaborazione e un nuovo corso di Bollywood anche in città: al centro UISP di piazza De Salvo il prossimo 7 ottobre si svolgerà una lezione aperta di quest’arte che si è sviluppata dalla danza classica indiana per adattarsi a forme piuàù moderne ( un po’ come la nostra "modern dance" che ha reinterpretato le posizioni classiche): « Io non voglio diventare famosa, non ho mire personali. Sono solo innamorata di questa forma di danza e mi piacerebbe che venisse conosciuta e apprezzata. È una danza dinamica molto passionale. Trasmetti la tua anima. Quando io ballo improvviso molto, mi muovo trasportata dalla musica e mettendo in scena tutta la mia passione interiore».

Per una prova gratuita di Bollywood si può telefonare al numero 347 8744510.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 settembre 2010
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La danza che integra 4 di 12

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.