Pedalano in 600 per l’Avis

Grande partecipazione per la pedalata a sostegno dell'associazione dei volontari per la donazione del sangue. Ospite d'onore Roberta Galeotti, presidente della sezione de L'Aquila

peppino albiniSotto lo striscione rosso di fronte a Palazzo estense sono partiti in seicento. Tutti a pedalare in compagnia con la maglia dell’Avis proprio per sostenere l’importante associazione di donatori di sangue.
Già dalla mattina presto si aggiravano in tanti nel centro di Varese. Sono arrivati con le loro biciclette e, dopo una veloce registrazione, hanno indossato le magliette e alle 9 sono partiti. Tre ore di pedalate in un circuito ormai collaudato che ha portato i seicento ciclisti sul lago di Varese, poi a Luino e rientro passando da Brinzio per tagliare il traguardo alle 12.
Peppino Albini, classe 1927, è stato premiato come partecipante più anziano (il più giovane aveva 13 anni). Grande soddisfazione per lui arrivato in fondo alla "passeggiata" senza particolari problemi. Tra i partecipanti tanti volti noti e anche Nardello.
roberta galeottiOspite d’onore Roberta Galeotti (nella foto a sinistra), presidente della sezione Avis dell’Aquila. Entusiasta l’assessore ai servizi sociali Navarro. «Siamo alla terza edizione. ormai possiamo dire che questa iniziativa, sempre più bella, è entrata nella tradizione e fa piacere vedere tanta partecipazione». Presente anche l’onorevole Daniele Marantelli. «Il ciclismo si dimostra quello sport popolare che è capace di unire tutte le persone al di là delle loro differenze. È bello vedere tnata voglia di solidarietà».
La pedalata ha visto come direttore organizzativo Renzo Oldani. La società Binda ha gestito con la solita professionalità e passione tutto l’evento. Battistrada d’eccezione, con la sua Bmw, Michele Graglia, presidente degli industriali della provincia di Varese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.