Più parcheggi per il Sacro Monte

L'assessore regionale alle Infrastrutture e mobilità, Raffaele Cattaneo, ha effettuato sopralluoghi al piazzale Montanari e al piazzale Pogliaghi per fare il punto della situazione sui problemi di accessibilità all'antico borgo

raffaele cattaneoRaffaele Cattaneo, assessore alle Infrastrutture e mobilità della regione Lombardia, nella mattinata di giovedì 30 settembre, ha fatto il punto della situazione sui problemi dell’accessibilità al borgo del Sacro Monte e alle cappelle. Insieme al vicesindaco di Varese Giorgio De Wolf, al vicepresidente della Provincia Carlo Baroni, al  presidente del Parco del Campo dei Fiori Giuseppe Barra e al prevosto del Sacro Monte, l’assessore ha effettuato due sopralluoghi: al piazzale Montanari e al piazzale Pogliaghi.
Nel primo sopralluogo sono state avanzate le ipotesi di due parcheggi: una prima struttura interrata, di tre piani, per una capienza di 230 posti auto e un costo di 5 milioni di euro, da realizzare nel piazzale stesso; la seconda, da realizzare alla Prima Cappella, prevede due piani per un totale di 120 posti auto per un milione e 800 mila euro di spesa.
(Sopra: Raffaele Cattaneo, foto di repertorio)
Nel sopralluogo al piazzale Pogliaghi è stata presa in considerazione la possibilità di costruire un posteggio per 50 posti auto per un costo di un milione di euro.
Dopo i sopralluoghi, si è tenuta al Pirellino di viale Belforte una segreteria tecnica dove l’assessore Cattaneo ha presentato uno studio sul traffico per l’accesso al Sacro Monte, e i dati sulla richiesta di parcheggi e sul trasporto pubblico locale. Se da un parte emerge l’esigenza reale di avere più parcheggi, dall’altra si evince che il trasporto pubblico locale è poco funzionale alle esigenze di coloro che vogliono andare al Sacro Monte per motivi sia religiosi che turistici. Durante la segreteria sono stati  inoltre presentati i vari scenari di localizzazione dei parcheggi sia per la Prima Cappella che per il borgo del Sacro Monte e sono state date le prime indicazioni di fattibilità, tempistica e costi.
Si tratta, dunque, di un primo passo a cui seguirà nella prossima segreteria tecnica di novembre un approfondimento per iniziare a dare più concretezza alle scelte da fare.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.