Portò il candidato sindaco di Gela a Busto, in manette Cascino per maxi-evasione

E' accusato di aver frodato il fisco per sè e per le imprese delle quali era il commercialista Salvo Cascino, organizzatore dei viaggi del candidato sindaco del Pdl a Busto Arsizio dove è presente una folta comunità gelese

Salvo Cascino, la mente della campagna elettorale del candidato sindaco di Gela Salvo Tringali, è stato arrestato in seguito ad un’operazione dei Gico di Gela e Brescia per una presunta maxi-frode fiscale. L’uomo che aveva organizzato più di un viaggio a Busto Arsizio per convincere i gelesi ivi residenti a votare e far votare il candidato del Pdl è accusato di aver compensava i debiti tributari, sia propri che maturati dai suoi clienti, con crediti d’imposta inesistenti in modo da far risultare sempre debiti fiscali pari a zero. Le due attività, naturalmente, non sono collegate ma la notizia, a suo tempo fece scalpore. Come compenso per la sua illecita attività, incassava il 30 per cento delle imposte evase dai propri clienti.  Sarebbe stato questo il sistema fraudolento adottato dal commercialista gelese, esponente del partito La Destra, finito in carcere nell’operazione che ha smantellato un’organizzazione criminale dedita alla sistematica omissione di versamenti tributari e previdenziali a vantaggio di numerose imprese operanti nelle province di Brescia, Verona e Gela. Cinque persone sono state arrestate e altre quindici denunciate. Sequestrati beni per un valore di circa 3 milioni di euro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.