Pro Patria, vittoria di cuore: 4-3 al Lecco

I tigrotti, in svantaggio per 3-1, vincono in pieno recupero con una doppietta di Zanetti. Sarno e Nocciola cambiano il volto alla Pro

La Pro Patria vince un gara al cardiopalma superando il Lecco 4-3 dopo aver concluso il primo tempo sotto per 3-1. Dopo il gol in apertura di Ripa, gli ospiti sono stati capaci di realizzare tre gol nella prima frazione con Fabbro, Buda e Mattaboni. La ripresa è stata a senso unico, aperta dalla rete di Ripa, la seconda e da una bella doppietta di Zanetti che ha pareggiato in sforbiciata ( foto a sin.) e siglato il gol vittoria con un bel colpo di testa a tempo scaduto.

Galleria fotografica

Pro Patria-Lecco 4 di 20

FISCHIO D’INIZIO – Dopo la sconfitta a Savona la Pro deve cercare di superare al meglio l’ostacolo Lecco per non perdere contatto con la vetta della classifica. Novelli rivoluziona la formazione. Davanti ad Anania, in difesa a destra gioca Som, Zanetti e Polverini sono i centrali con Benedetti sulla sinistra. A centrocampo al fianco di Cristiano ci sono Bruccini e Justino, che debutta in campionato dopo aver scontato la squalifica. In attacco Ripa è la punta centrale, Pacilli e Janvier gli appoggi. Il Lecco dopo quattro gare ha raccolto solo 2 punti e deve far di tutto per cercare di sbloccare la propria classifica.

IL PRIMO TEMPO – Inizia alla grande la Pro che al 7′, al primo affondo, trova il fallo da rigore di Chiecchi su Ripa per l’1-0 che lo stesso bomber realizza spiazzando Gadignani. Al 10′ però il Lecco trova il pari con una bella conclusione di Fabbro che dai 20 metri fulmina Anania insaccando all’angolino. La Pro subisce il colpo e Rebecchi prova a raddoppiare immediatamente con una bella azione personale, fermata solo da un bell’intervento di Benedetti in scivolata. La reazione della Pro arriva al 15′ con una conclusione di Pacilli dal limite che sfiora il palo. Al 26′ però raddoppia il Lecco con Buda che raccoglie un corner di Mattaboni al vertice dell’area e batte Anania con un bel destro a giro che si infila al sette. Al 32′ Ripa si gira liberandosi del diretto marcatore, ma il suo tentativo a giro termina a lato di poco. Al 43′ Mattaboni sigla il terzo gol per il Lecco. Il giovane centrocampista bluceleste recupera palla a centrocampo, corre per 30 metri senza incontrare avversari e arrivato al limite ha scaricato un gran destro che lascia immobile Anania.

LA RIPRESA – Riprende con il piglio giusto la Pro e Ripa al 7′ impegna il portiere ospite di testa alla deviazione in angolo. Al terzo corner di fila, su cross di Sarno, Ripa devia di testa in rete accorciando il risultato. I tigrotti tentano l’assalto e ancora il bomber di Novelli va vicino al terzo gol con un colpo di nuca che sfiora la traversa. Al 13′ Veronese, appena entrato, si ritrova da solo davanti ad Anania, ma sbaglia la conclusione sparando sul portiere biancoblu. Al 26′ Sarno prova a sorprendere su punizione Gadignani, ma il portiere ospite non di fa trovare impreparato e respinge di pugno. Il finale è un assolo bustocco concluso con la sinfonia più bella. Al 32′ Ripa, nel giro di trenta secondi, sfiora il gol con due incornate, ma la prima viene bloccata dal portiere lecchese, mentre la seconda termina alta. Al 41′ Zanetti trova il gol del pari con una bella sforbiciata al volo sfruttando un cross di Nocciola deviato. Al 48′ in pieno recupero, ancora il centrale difensivo sigla il gol vittoria inzuccando un corner di Sarno e mettendolo alle spalle di Gadignani.

LE INTERVISTE:

Il primo a parlare in sala stampa al termine della gara è Antonio Tesoro, che ha parole dure verso alcuni sostenitori un po’ troppo lamentosi: «Ho sentito alcuni all’intervallo chiedere indietro Zoppo, dato che noi abbiamo speso molti soldi e raccolto poche soddisfazioni, vorremmo almeno riconosciuto il nostro lavoro, altrimenti avrete indietro Zoppo molto velocemente. Credo che si debba remare tutti nella stessa direzione, altrimenti questo campionato non riusciremo a vincerlo, pura avendo a disposizione tutte le carte».

Novelli risponde per le rime alle dichiarazioni di Tesoro: «Il presidente ha detto che ho fatto scelte opinabili, ma i presidenti non hanno il patentino per allenare. Credo di agire nel bene della squadra e penso di avere una dignità che nessuno potrà mai comprare. Vorrei semplicemente lavorare in pace, con tranquillità e con la massima serenità, io sono pronto a difendere le mie scelte, ma credo ad ogni modo di meritare la categoria, non ho mai detto di essere un tecnico di serie A. Lo scorso anno la squadra è retrocessa anche con Sarno, se fosse stato un fenomeno giocava in nazionale, inoltre gli under li userò quando scelgo io, nessuno ad inizio anno ha parlato di contributi per far giocare i giovani. Non voglio dimettermi perchè non sono il tipo di persona che abbandona un progetto. Con questo ammetto di essere il primo a dover migliorare, così come ogni professionista deve puntare se ambizioso e volenteroso. Per quanto riguarda il match abbiamo giocato un primo tempo a bassa intensità, nel secondo tempo abbiamo migliorato carattere e abbiamo giocato tra le due linee difensive avversarie, questo ci ha fatto vincere».

Anania si dice soddisfatto della vittoria, con un occhio particolare al morale: «Per oggi va bene. Dopo il primo gol e un buon gioco, abbiamo subito tre gol che ci hanno messo in ginocchio. Il pubblico non ci ha aiutato, poi abbiamo trovato il gol del 3-2 e la carica agonistica è salita fino a farci vincere la gara. Bene così».

TABELLINO

Pro Patria – Lecco 4-3 (1-3)

Marcatori: al 7′ pt Ripa su rigore (PP), al 10′ pt Fabbro (L), al 26′ pt Buda (L), 43′ pt Mattaboni (L), all’8′ st Ripa (PP), 41′ e 48′ st Zanetti.

Pro Patria: Anania, Som, Zanetti, Polverini, Benedetti, Cristiano, Bruccini, Justino (dal 6′ st Nocciola), Pacilli (dal 45′ pt Sarno), Janvier (dal 26′ st Serafini), Ripa. All. Novelli.

Lecco: Gadignano, Goisis (dal 25′ st Moracci), Cortese, Coletto, Martinelli, Chiecchi, Rebecchi, Mattaboni (dall’8′ st Galli), Fabbro (dal 13′ st Veronese), Carroccio, Buda. All. Roselli.

Arbitro: Bellutti di Trento (Lotierzo e De Bortoli).

Note: giornata soleggiata, terreno in buone condizioni.

Ammoniti: Justino e Zanetti per la Pro Patria, Coletto per il Lecco. Calci d’angolo: 6-3 per il Lecco. Spettatori: 1105.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 settembre 2010
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Pro Patria-Lecco 4 di 20

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.