Professore muore a scuola davanti agli studenti

Tragedia al liceo scientifico di Varese. Alfredo Speroni, docente di chimica e scienze muore durante il cambio dell''ora. Attoniti colleghi e studenti

Aveva appena finito la lezione. La campanella era suonata e lui stava raggiungendo la classe dell’ora successiva. Ma non c’è mai arrivato. Sulle scale, all’improvviso, il professor Alfredo Speroni si è accasciato, colpito da un infarto.
A nulla sono valsi i soccorsi di colleghi e studenti. A nulla è valsa la corsa in ospedale. Per il professore di Alfredo Speroni, il professore colpito da infarto davanti ai suoi studentiscienze non c’è stato nulla da fare. Alfredo Speroni se n’è andato, a 62 anni, lasciando tutti attoniti: «E’ stato un colpo tremendo – commenta il preside dello Scientifico Ferraris di Varese Antonio Micalizzi – Immediatamente siamo tornati allo strazio di tre anni fa, quando il professor  Formato ci ha lasciato nello stesso improvviso modo. Un vero pugno nello stomaco per tutti».

Molto attivo nello sport, il professor Speroni è stato stroncato da un infarto. Già la scorsa settimana aveva accusato un malore ma non vi aveva dato peso. I medici hanno, comunque, disposto l’autopsia che verrà effettuata nei prossimi giorni.

Speroni, dal  2000 in forza allo Scientifico, dopo aver trascorso alcuni anni al Magistrale Manzoni, era un professore severo ma attento. «Sicuramente era autorevole – ricorda Micalizzi – I ragazzi sapevano di trovare una persona attenta ma intransigente chee pretendeva impegno dai suoi allievi. Lascia un grandissimo vuoto».

Anche il suo ex preside, Fausto Montalto, con cui condivise i 10 anni di trasformazione del Manzoni da magistrale a psicopedagogico e linguistico, ha parole di grande stima e affetto: «Indubbiamente non era una persona semplice. Detestava le imposizioni. Ma è stato un preziosissimo collaboratore. Fu vicepreside nel momento di grande espansione del Manzoni, quandola scuola passò da 18 a 46 classi. Fu lui a creare omogeneità nei due gruppi, ad armonizzare docenti, alunni e orari. Ci metteva grande passione».

L’improvvisa e inaspettata morte del professor Speroni ha lasciato un liceo intero senza  fiato: «Ancora non abbiamo deciso cosa organizzeremo – fa sapere il preside Micalizzi – abbiamo bisogno di un po’ di tempo per riprenderci».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.