Ratti e politica: il manifesto non è nuovo

Già alcuni anni fa gli avversari dell'Udc erano stati raffigurati come tre toponi rossi intenti ad aggredire un portafoglio svizzero. Immagine molto simile alla campagna contro i frontalieri

ratti nella politicaOra sono i frontalieri. Ma i topi famelici che rosicchiano la ricchezza non sono un messaggio nuovo per una parte della politica svizzera. Alcuni anni fa, l’Udc/Svp (che significa Unione democratica di centro ma è molto più vicino alla destra e in ogni caso con posizioni molto differenti rispetto all’Udc italiano) presentò un’altra campagna con protagonisti dei roditori (nel manifesto a fianco). In questo caso il messaggio era rivolto agli avversari politici, raffigurati come rattoni rossi intenti a rosicchiare uno spaventato borsellino pieno di franchi. L’aggressività del manifesto ricorda molto il messaggio dell’ultima pubblicità anch’essa con tre topi come protagonisti: uno a rappresentare i frontalieri, l’altro i lavoratori e l’ultimo la politica italiana e in particolare Tremonti. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.