Trasporti ancora nel caos, mancano gli orari definitivi delle scuole

In Provincia si è riunito il tavolo di confronto tra l'assessore, le scuole e i fornitori del servizio di trasporto. Entro fine settimana dovrebbero arrivare i dati definitivi

Il limbo comincia quando suona la campanella dell’ultima ora. Il cambio degli orari degli istituti superiori introdotto quest’anno dalla riforma Gelmini, continua a creare disagi: agli studenti, che spesso devono attendere ore prima di salire sul pullman che li riporti a casa; al consorzio che fornisce il servizio di trasporto, che è costretto a mettere delle pezze come può alla carenza di corse negli orari di uscita dalle scuole; alla Provincia e ai vigili urbani, impegnati all’ora di punta a districare il groviglio di macchine dei tanti genitori costretti ad andare personalmente a prendere i figli a scuola.
Ieri, lunedì 21 settembre, in Provincia si è riunito nuovamente il tavolo per la logistica dei trasporti attorno al quale si sono seduti i rappresentanti delle scuole, l’assessore Simeoni, i consorzi per i trasporti e gli altri soggetti coinvolti dal problema.
Dalla riunione non è uscita per adesso nessuna soluzione in grado di risolvere definitivamente il problema. A mancare l’appello è ancora l’orario definitivo di ciascuna scuola, così da avere un quadro complessivo e tracciare una pianificazione del sistema dei trasporti.
Gli orari, sollecitati dalla Provincia fin dalla primavera, non sono ancora stati definiti per via dell’incertezza che fino all’ultimo c’è stata attorno all’esatta applicazione e interpretazione della riforma. Dal tavolo di confronto è uscito l’auspicio che entro fine settimana si possa raccogliere tutte le informazioni, e al più presto procedere alla pianificazione complessiva.

Intanto l’attuale situazione continua a produrre incertezza anche a dal versante di chi fornisce i servizi di trasporto. La “Giuliani & Laudi” è l’azienda che si occupa del servizio sulla zona di Varese nord, «attualmente il problema più grande – spiega Laudi – è che le scuole escono ognuno ad orari diversi, e spesso gli orari cambiano da un giorno all’altro e da una classe all’altra. Così è impossibile coordinare l’intero servizio. Entro fine settimana dovrebbe arrivare l’orario definitivo, solo allora avremo un quadro completo del problema e dei punti deboli».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.