Un “quadratino magico” per il turismo varesino

E' il codice QR, che permette ai telefonini di nuova generazione di acquisire le nuove informazioni dell'Ufficio turistico. La tessera che lo contiene verrà presentata - e distribuita - in fiera

Lo Iat di Varese si dota di un accessorio molto di moda e lo presenta alla Fiera di Varese. 
Si tratta del codice QR, un quadratino a pixel che fornisce informazioni e  si sta diffondendo rapidamente tra i mezzi di comunicazione per fornire informazioni in più a chi possiede dei telefonini connessi a internet e con videocamera.

Il codice, che specialmente all’estero ha cambiato la comunicazione commerciale (ad esempio, se si va da Mc Donald e si “punta” con il proprio telefonino il codice di informazione di ogni hamburger, si ottengono direttamente le sue informazioni nutrizionali, mentre la Pepsi in danimarca con questo sistema fornisce buoni sconto sui loro acquisti) sta diventando un importante gadget anche in Italia: a testimoniarlo le grande quantità di “quadratini” che si possono trovare tra le pubblicità, e promettono contenuti speciali per i possessori di smartphone.

Ora il codice QR viene utilizzato anche dallo IAT di Varese, che utilizza questo mezzo tra i primi in Italia.  Il codice dello Iat è contenuto in una “special card” che verrà per la prima volta presentata e distibuita alla fiera di Varese, per segnalare quali servizi offre e dove trovarlo. E’ di fatto un biglietto da visita “ipertecnologico” che abbina alla tradizionale informazione cartacea anche l’informazione on line.  
 
«Ci stiamo dotando di ulteriori strumenti innovativi ed avanzati – spiega l’Assessore alla Promozione del Territorio, Enrico Angelini –  Con un duplice intento: da un lato andare incontro al visitatore e al turista, senza aspettare che per forza sia lui a farsi avanti, dall’altro raggiungere target specifici di persone potenzialmente interessate. Questo strumento infatti  "parla" soprattutto ai giovani e a tutti coloro che sono avvezzi ad una comunicazione rapida, sintetica ed agile».

«Per potere “riconoscere” il codice, i cellulari avranno bisogno solo di un piccolo programma gratuito, scaricabile da internet – spiega Renzo dal Pio di Delpi, che ha realizzato il progetto – Un programma che si può trovare per ogni tipo di telefonino semplicemente cercandolo in google come “lettore codice QR”». La Special Card con il codice verrà distribuita innanzitutto alla fiera di Varese, dove verrà presentata. Dopodichè sarà disponibile nell’ufficio Iat di via Romagnosi 9 angolo piazza Podestà, nel pieno centro di Varese. Un’idea ottima e innovativa che è fondamentale però venga in futuro utilizzata come vetrina. In essa potranno essere infatti introdotti contenuti che consentono di avere informazioni aggiornate anche ogni settimana.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 settembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.