Bossi a Berlusconi: “Si riposi”. E sul federalismo, fa una pernacchia

Eloquente risposta del ministro per le Riforme alle domande dei giornalisti sull'ipotesi di far slittare il voto sul federalismo di sei mesi

Riposo a Berlusconi e una sonora pernacchia all’opposizione. Non le ha certo mandate a dire oggi Umberto Bossi al suo alleto di governo e ai partiti di centro sinistra, "colpevoli" di aver proposto un rinvio di sei mesi l’approvazione del federalismo. 
Sulla vicenda Ruby e dintorni, il ministro ha suggerito un po’ di riposo a Silvio Berlusconi, ma esclude che il presidente del consiglio si possa dimettere. «Vada un po’ a riposare da qualche parte – ha dichiarato il ministro –  che ci pensiamo noi». Mentre sulle ipotesi di dimissioni risponde che è  inutile chiederle perché Berlusconi non le darà. Per Bossi, in un paese normale e democratico non si tratta il presidente del consiglio come se fosse un mafioso.

Ancora più "chiara" la risposta che Bossi ha riservato all’opposizione. Ieri, in commissione Bicamerale per il federalismo fiscale, il Terzo Polo e il Pd avevano chiesto più tempo sia per l’esame del decreto sul fisco municipale che sulla riforma, ipotizzando uno slittamento di 5-6 mesi del termine ultimo per l’ok a tutti i decreti del federalismo previsto per il 21 maggio prossimo. Oggi, il senatur, ha risposto con una pernacchia ai giornalisti che chiedevano una sua dichiarazione. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.