Bossi:”Cimici nel mio ufficio”

Gli apparecchi per intercettare i colloqui riservati del ministero delle riforme sarebbero stati trovati da lui stesso un paio di mesi fa. Non è stata sporta denuncia

Umberto BossiCimici nell’ufficio romano di Bossi. Gli apparecchi per intercettare i colloqui riservati del ministero delle riforme sarebbero stati trovati da lui stesso un paio di mesi fa. La fonte è Umberto Bossi in persona secondo quanto riferiscono i giornalisti che lo hanno seguito a Ponte di Legno nella notte.
Il Senatur avrebbe riferito che il sospetto nacque dalle osservazioni della sua segretaria: «troppa gente sapeva quello che avevo detto solo a lei». Quanto basta per allertare l’entourage del leader leghista che dopo accurate opere di bonifica avrebbe trovato alcune cimici al ministero e nella sua abitazione.
Nessuna cimice invece a Varese, «lì – avrebbe commentato ridendo lo stesso Umberto Bossi con i giornalisti – ho fucile da caccia e rivoltella".
I ritrovamenti risalirebbero ad un paio di mesi fa ma il ministro avrebbe deciso di non sporgere alcuna denuncia, «abbiamo chiamato un privato per la bonifica – avrebbe riferito – Non volevo far casino, tanto un’inchiesta non trova niente. Io non volevo entrare nel casino. Sono uno che tende a minimizzare». Sulla faccenda solo un avvertimento al ministro dell’Interno Roberto Maroni, «che ha mandato un po’ di suoi uomini» avrebbe detto Bossi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.