C’è Novara sulla strada della Yamamay

Nel suo primo anticipo televisivo Busto ospita (sabato 15, ore 20,30 - RaiSport1) l’Asystel per il “derby del Ticino”. Domenica a Bergamo sfida tra le sorelle Bosetti

Le tre settimane più "calde" del campionato stanno per iniziare: con la settima giornata di andata comincia una lunga escalation di emozioni verso l’attesissimo derby del 31 gennaio, che potrebbe assegnare, chissà, anche il primo posto in classifica. Per il momento ci si deve "accontentare" di un altro derby, quello del Ticino, che sabato sera vedrà la capolista Yamamay ospitare l’Asystel Novara: previsto il pienone in viale Gabardi e anche davanti agli schermi televisivi, che per la prima volta in questa stagione trasmetteranno una partita delle bustocche. Non di minore interesse la partita della MC-Carnaghi che, dopo aver conosciuto la sua prossima avversaria di Champions League, tornerà in campo domenica alle 18 a Bergamo: ancora titolare Caterina Bosetti, che sfiderà la sorella Lucia.
 

QUI YAMAMAY – L’inedito primo posto in classifica e il crescente interesse dei media nazionali (giovedì paginone anche sulla Gazzetta) hanno fatto lievitare l’attesa per la sfida, già di per sé molto sentita, tra Busto e Novara: 300 i biglietti venduti in prevendita, gli altri saranno disponibili alle casse a partire dalle 19 di sabato (il fischio d’inizio è alle 20.30) e si prevede un’altissima affluenza al PalaYamamay. Per la prima volta le biancorosse godranno della diretta televisiva su Rai Sport 1, così come accadrà anche sabato 24 a Urbino. Dal punto di vista tecnico l’appuntamento di sabato è un test importante per la squadra di Parisi. Fino a questo momento le biancorosse hanno fatto l’en plein contro formazioni di bassa classifica, ma Novara è una quartultima molto… particolare: per il sestetto di Caprara parla da solo lo spettacolare 3-0 ottenuto una settimana fa contro la Scavolini. Le bustocche si troveranno di fronte la miglior marcatrice in assoluto del campionato, la croata Katarina Barun (262 punti), ma anche l’ex pavese Dora Horvath, che in estate era stata a lungo nel mirino della stessa Yamamay, e la centrale Stefana Veljkovic, avversaria delle farfalle nella scorsa final four di CEV. Si preannuncia una bella sfida per le due difese, visto che Busto può contare in questo momento sulle migliori percentuali d’attacco della serie A1 (45% complessivo). Con Meijners completamente recuperata dall’influenza, probabile il ritorno dell’olandese nel sestetto iniziale al posto di Havelkova, con la conferma dello schema di ricezione a due; ma mai come questa volta Parisi ha tante carte da giocare.
 
Yamamay Busto Arsizio-Asystel Novara
Busto: 1 Carocci (L), 2 Havlickova, 4 Valeriano, 5 Kim, 7 Marcon, 8 Bauer, 9 Meijners, 10 Campanari, 13 Serena, 14 Crisanti, 16 Havelkova. All. Parisi.
Pavia: 1 Paolini, 3 Bechis, 6 Barun, 7 Barcellini, 8 Nesovic, 9 Veljkovic, 10 Zardo (L), 11 Sansonna (L), 12 Camera, 13 Lombardo, 17 Folie, 18 Horvath. All. Caprara.
Arbitri: Antonino Genna e Gabriele Balboni.
 
QUI MC-CARNAGHI – L’inaspettata gioia di Champions League, con il primo posto nel girone conquistato in extremis anche grazie al generoso aiuto del Prostejov, ha dato una svolta al momento di crisi di Villa Cortese più di quanto non avesse fatto il sofferto successo di Modena. Ha un bel dire Marcello Abbondanza che «non esisteva nessun tunnel, è stata solo una crisi fisica trasformata dall’ambiente in crisi mentale»: in realtà il successo di martedì è stato una vera e propria boccata d’ossigeno in una situazione che stava diventando difficile. Del resto, per dirla ancora con le parole del coach, «non è una partita fatta bene che ti riporta la serenità completa», e quindi anche sul campo della Foppapedretti (inizio domenica alle 18, diretta in streaming su Sportube.tv) ci sarà da soffrire. Mancano ancora all’appello le infortunate: Calloni potrebbe tornare a saltare domani, Berg dovrebbe essere recuperata per la sfida con Pesaro, mentre per Aguero i tempi sono ancora incerti. Giocherà quindi Caterina Bosetti, che vivrà una sua personalissima sfida con la sorella Lucia: «È la prima volta che la affronto da titolare – dice la giovane schiacciatrice – sarà una grande emozione, ma l’importante sarà soprattutto vincere per recuperare il primo posto in classifica». Bergamo, d’altro canto, ha i suoi problemi: priva, come noto, di Lo Bianco, la Foppapedretti non è riuscita a passare il turno in Champions League e in campionato procede a corrente alternata. Non si fida Paola Cardullo, fermata in settimana dall’influenza ma disponibile per la trasferta: «Resta una squadra difficile da affrontare – dice il libero – e completa in ogni fondamentale. La storia infinita dei precedenti dello scorso anno dimostra che abbiamo le carte in regola per batterle, ma se vogliamo riuscirci dovremo dare il massimo su ogni pallone».
 
Foppapedretti Bergamo-MC-Carnaghi Villa Cortese
Bergamo: 1 Ortolani, 2 Nucu, 3 Signorile, 6 Carrara (L), 8 Merlo (L), 9 L.Bosetti, 12 Piccinini, 13 Arrighetti, 16 Vasileva, 18 Zambelli. All. Mazzanti.
Villa C.: 1 Anzanello, 2 Gioria, 4 Berg, 5 Lanzini (L), 7 Negrini, 8 Cruz, 9 Kovacova, 10 Cardullo (L), 11 Hodge, 12 Aguero, 14 Bosetti. All. Abbondanza.
Arbitri: Andrea Puecher e Fabrizio Padoan.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.