Caso Croce Rossa: interviene il Prefetto di Milano

Lunedì 24 gennaio, il Preftetto Lombardi tenterà una mediazione tra sindacati e Croce Rossa. L'invito arrivato dopo la rottura delle relazioni annunciata dai sindacati

Il Prefetto di Milano entra nella questione Croce Rossa. In seguito alla rottura delle relazioni sindacali annunciata  dalle diverse rappresentanze, Raffaele Lombardi ha convocato le parti lunedì 24 gennaio alle 10.30 per tentare di riaprire il confronto tra CRI e i rappresentanti dei lavoratori sul rinnovo della convenzione con AREU, l’Agenzia dell’emergenza urgenza.

Cigil, Cisl, Uil, Cisal e USB avevano annunciato la rottura delle trattative per l’assenza di reali relazioni sindacali, la mancata predisposizione di un tavolo CRI – AREU – OO.SS., la mancanza assoluta di informazioni preventive rispetto ad atti gestionali che dall’1/1/2011 hanno comportato mobilità del personale ed anche interruzioni del rapporto individuale di lavoro non solo da parte di personale somministrato ma anche di personale da lungo tempo con contratto a tempo determinato in proroga.(tra cui anche una Lavoratrice in gravidanza), la mancata predisposizione di un piano industriale relativo all’attività dell’Ente per l’anno 2011 o quantomeno la completa disinformazione, la lacunosa e contraddittoria rendicontazione dello stato delle trattative con AREU relative all’affidamento in convenzione di parti del servizio emergenza-urgenza (118) in Lombardia.

I sindacati hanno inoltre annunciato due presidi per domani, giovedì 20 gennaio dalle 12 alle 15 presso ilComitato Regionale CRI in via Caradosso, 9 a Milano e per venerdì 21 gennaio dalle 15,30-18,30 presso l’Assessorato della Sanità in via Galvani di via Restelli a Milano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.