Cominciato il “Progetto danza” del teatro di Abbiate

Ha preso il via l’iniziativa del Piccolo Teatro Cinema Nuovo con numerosi appuntamenti in programma con le scuole del territorio, ma anche diversi spettacoli in cartellone

È ormai partito il Progetto Danza del Piccolo Teatro Cinema Nuovo di Abbiate Guazzone-Tradate, ma ancora molto numerosi sono gli appuntamenti in programma: rassegne a tema, spettacoli, convegni, seminari, serate culturali sulla storia della danza e appuntamenti di cineforum. Nato dalla collaborazione del Piccolo Teatro Cinema Nuovo con le scuole di danza del territorio e sotto la direzione scientifica di Gaetano Oliva, il progetto si propone come principali finalità quelle di diffondere la cultura della danza promuovendone l’aspetto educativo e formativo, offrire stimoli alle scuole di danza, che possano incentivare lo sviluppo della loro ricerca artistica e abbattere le barriere socio-culturali del territorio sostenendo la diversità come pregio e fonte di ricchezza culturale.

Il primo passo, concretizzatosi durante i mesi estivi del 2010, è stato la costituzione di un Comitato di Scuole di Danza che attualmente vede riuniti i rappresentanti di undici scuole della provincia di Varese e Como, ma rimane aperto a ulteriori adesioni. Quest’organo ha come compito quello di vagliare le proposte provenienti dalle singole scuole e programmarne la realizzazione. Oltre agli appuntamenti di Teatro-Danza che il Piccolo Teatro Cinema Nuovo, ormai da anni, inserisce nel suo programma, quest’anno la stagione vedrà sulle scene anche un’intera rassegna di spettacoli realizzati dalle scuole stesse che non si limiteranno alla presentazione del saggio di fine anno, ma dovranno cimentarsi in un’esperienza al di fuori dei loro ambienti protetti e misurarsi con la responsabilità di proporre performance di alto livello, talvolta create appositamente su un tema di ricerca comune approvato dal Comitato.
Lo spettacolo inaugurale, Mary Poppins a cura della scuola Spazio ‘900 di Gallarate, tenutosi il 4 dicembre 2010, ha richiamato più di 200 spettatori. Tra i prossimi appuntamenti lo spettacolo Nocturno (15 Gennaio 2011) che giocando sulle atmosfere della notte fonderà insieme vari stili di espressione e movimento quali la danza contemporanea, la ginnastica acrobatica, la ginnastica ritmica, la musica e la recitazione e lo spettacolo Le Mura Intorno (29 gennaio 2011), creato dalla scuola Centro Arte Danza di Olgiate Olona in ricorrenza della prossima Giornata della Memoria. Altra grande novità sarà l’organizzazione di un Convegno (14 maggio 2011) che ospiterà personalità legate al mondo della danza di rilevanza nazionale e sarà incentrato sull’importanza dell’opera pedagogica, culturale e artistica che le scuole di danza attuano sul territorio.

La struttura di ogni giornata del convegno includerà una mattinata di interventi teorici a cura di esperti del settore e professori universitari e un pomeriggio in cui chiunque voglia potrà sperimentarsi gratuitamente in workshop tenuti dagli insegnanti delle scuole di danza e dai docenti da loro suggeriti. Inoltre, il 30 gennaio 2011 avrà luogo il seminario Le danze del mondo. Dal flamenco, ai balli caraibici e alle danze etnico popolari. Il valore della danza come strumento di aggregazione sociale che darà il via a una serie di giornate studio pratiche e teoriche incentrate su temi specifici legati alla danza o su generi di danza diversi: in programma seminari sul ruolo del coreografo e la nascita di una coreografia, sulle danze popolari, sulla musicalità applicata alla danza, sul lavoro di coppia, sul teatro danza, sul metodo Laban e sul rapporto tra danza e pedagogia. Infine sono tre le serate in cui si darà spazio alla storia della danza: l’1 febbraio il professore Alessandro Pontremoli, docente di Storia della danza e del mimo e di Teoria e tecniche del teatro educativo e sociale presso l’Università degli Studi di Torino terrà un incontro sulla storia della Danza Contemporanea. Il progetto si rivolge a tutti gli amatori della danza e a tutti coloro che vogliono avvicinarsi a questa disciplina artistica.

Biglietto unico: 8.00 euro
Costo seminario: 20.00 euro
Abbonamento 5 spettacoli + 1 seminario: 40.00 euro
Il Convegno e le serate culturali sono gratuiti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.