Cortisonici è anche “Lab”: un progetto per giovani registi

Quattordici giovani artisti potranno partecipare a un ciclo di laboratori con professioni del cinema per lavorare e creare il proprio cortometraggio. Aperto il bando

Un nuovo appuntamento per Cortisonici. Il festival del cortometraggio che ogni anno incassa successi, quest’anno torna dal 18 al 26 marzo e completa il già ricco programma con Cortisonici Lab, un laboratorio per lo sviluppo di progetti di cortometraggio.
Un progetto che darà la possibilità a 14 giovani talenti, fra i 20 e i 35 anni, con un minimo di esperienza, di passare una settimana con professionisti del settore come Guido Chiesa e sviluppare il proprio progetto. Tra questi, una giuria tecnica, sceglierà tre progetti che avranno la possibilità di essere realizzati in modo completo e verranno distribuiti a livello nazionale. «É un’iniziativa che vuole valorizzare la creatività giovanile in campo cinematografico, offrendo opportunità concrete per la realizzazione di un progetto», spiega Massimo Lazzaroni di Cortisonici.
Un progetto finanziato dalla Fondazione Cariplo che vede la collaborazione della cooperativa sociale Totem, di Informagiovani – che metterà a disposizione i suoi spazi di via Como per i laboratori – e l’Associaziome Amici Piero Chiara. Quest’ultima infatti, già in passato ha previsto appuntamenti rivolti al cinema all’interno del Festival del racconto e, «stiamo studiando un programma che preveda degli incontri al festival della letteratura varesino, con i professionisti che verranno in città per Cortisonici Lab» spiega Gianluca Gibilaro di Cortisonici.
L’intero progetto durerà due anni e chi è interessato può mandare, entro il 20 febbraio una presentazione del proprio progetto a Cortisonici Lab 2011, c/o Cooperativa Sociale Totem Onlus di Via Brennero 64, 21100 Varese (farà fede il timbro postale). Tra i progetti presentati, un comitato ne selezionerà 14, tra questi da uno a tre riceveranno un contributo economico per realizzare e distribuire il cortometraggio. In questi giorni verranno comunicati i nomi dei professionisti coinvolti oltre a Guido Chiesa, regista de "Il partigiano Johnny", "Lavorare con lentezza", "Io sono con te" che durante la manifestazione presenterà anche i suoi nuovi lavori.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.