“Croce celtica libertà di opinione”

Dopo il convegno del 15 gennaio scorso a Luino, la posizione del Movimento Patria Nostra. "Quanti partiti nazionali usano questo simbolo'"

Pubblichiamo la nota del Movimento italia Nostra in risposta alla recente interrogazione parlamentare dell’Onorevole Piffari, dell’Italia dei Valori in merito all’episodio riportato anche da Varesenews sabato scroso, 15 gennaio, dove nel corso di un convegno a Palazzo Verbania, Luino, sono stati affissi manifesti con simboli neofascisti.

acca larentia luinoNella giornata di ieri è stata pubblicata da alcune testate giornalistiche, la notizia che l’Onorevole Sergio Piffari (IDV) ha deciso di presentare un interrogazione Parlamentare al Ministro Maroni, sulla questione del manifesto commemorativo della “Strage di Acca Larentia” affisso durante il Convegno di Luino (VA) del 15/01/2011, ci sentiamo veramente onorati di tale cosa, non ci saremmo mai immaginati di arrivare persino in Parlamento, ma la cosa che ci preme di più è capire se i nostri politici hanno tanto tempo libero da dedicarsi a queste questioni di sicuro second’ordine rispetto a tante situazioni incresciose alle quali assistiamo ogni giorno.
Noi crediamo che in Italia ogni giorno ci siano tantissimi fatti di vero interesse da portare in parlamento e non il nostro gesto, che tra l’altro è nato per un’azione personale di un nostro simpatizzante, che alla fine non ha leso niente e nessuno, ricordiamo che nei giorni precedenti all’anniversario di Acca Larentia, quei manifesti ricoprono tutta Roma e non solo, ma caso strano nessuno se ne accorge. Si richiama più volte la Legge Mancino che si è vero vieta l’ostensione della “Croce Celtica” ma quanti Partiti di rilievo nazionale le usano nelle loro manifestazioni, detto questo non vogliamo giustificare il tutto ma capire se si tratta di un attacco personale per MPN oppure è la pura voglia di apparire sui giornali come forma di pubblicità gratuita. Si ergono a difensori dello Stato, a sommi conoscitori della Costituzione Italiana ma nessuno ricorda che la stessa Costituzione garantisce la libertà di Pensiero e di Parola con l’Articolo 21, ma questo non viene mai ricordato. Noi da Italiani abbiamo giurato fedelta alla Patria e per essa lottiamo ogni giorno da cittadini onesti, lavoriamo pagando le tasse allo Stato Italiano e con queste tasse
paghiamo anche lo stipendio dell’On. Piffari, con questo gradiremmo che invece di pensare a delle
sciocchezze del genere i nostri amati Politici pagati con i nostri soldi iniziassero a lavorare duramente per il nostro paese.
Restando sempre a completa disposizione per ulteriori chiarimenti distintamente salutiamo.
Movimento Patria Nostra
Vice Segretario Nazionale – Coordinatore Nord  Italia Luigi Cortese
                             
                   

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.