Dopo i botti di capodanno la Cimberio ospita Biella

La polemica Recalcati-Seghetti e la cessione di Cotani hanno preceduto il difficile impegno interno di domenica 2 gennaio. Si gioca alle 14, Thomas incerottato

È stata una fine d’anno pirotecnica quella della Cimberio che negli ultimi giorni del 2010 è stata prima sfortunata protagonista del derby di Milano, poi coinvolta nella polemica tra coach Recalcati e l’arbitro Seghetti che ha portato all’intervento della Procura federale e infine, proprio nel giorno di San Silvestro, ha detto addio a Simone Cotani passato a Torino in Serie A dilettanti.
Tre "botti" il cui fragore andrà attutito in fretta visto che è già tempo di scendere in campo per un nuovo impegno importante, la partita interna contro l’Angelico Biella valevole per il 12o turno di Serie A. Il match del PalaWhirlpool si disputerà in un orario tra l’insolito e l’assurdo, le 14, a causa della programmazione della pay tv satellitare in occasione del basket day, che prevede cinque gare in diretta (nella foto Galanda nel match dell’anno scorso).

THOMAS CON I CEROTTI - Impegno delicato quello dei biancorossi, che a Milano hanno raccolto la terza sconfitta consecutiva e si sono ritrovati così al margine alto del gruppone di metà classifica: ciò vuol dire che la posizione di Galanda e compagni è ancora buona ma precipiterebbe con un’ulteriore passo falso. Motivo per cui la Cimberio dovrà necessariamente battere i piemontesi nonostante qualche problema di salute che riguarda soprattutto Jobey Thomas; il tiratore americano si è infatti rotto il tendine di una falange dell’anulare destro proprio durante la partita del Forum e come se non bastasse avverte un dolore al ginocchio che non lascia del tutto tranquilli. Condizioni che forse spiegano anche la cattiva prova di Thomas contro l’Armani e che si spera migliorino in vista di domenica, quando lo statunitense giocherà con un tutore sul dito infortunato.
Il resto della rosa di Recalcati è al completo senza troppi problemi, al netto dell’assenza di Cotani (ex biellese, anche se la partita dell’anno scorso in Piemonte lo lasciò con l’amaro in bocca) che ha passato il 31 le ultime ore biancorosse prima di partire per Torino.

RECALCATI: STOP ALLE POLEMICHE – In vista del match inaugurale del 2011 intanto, coach Carlo Recalcati ha messo fine alla diatriba con l’arbitro Seghetti. «Mi pareva giusto far notare quello che è accaduto, senza aver nessun intento di procurare danni al direttore di gara ma solo per amor di verità. È intervenuta la Procura che farà il suo lavoro, ascolterà entrambe e tirerà le conclusioni come è giusto che sia. Adesso però smetto di parlare della vicenda perché tutto deve avere un termine e credo che non serva alimentare ulteriori polemiche. Non ci serve andare fuori giri pensando ad altro: abbiamo una partita difficile da giocare e credo che anche a livello di motivazioni ne abbiamo già a sufficienza dal punto di vista tecnico». Per la cronaca, il match sarà arbitrato da un fischietto esperto come Lamonica (piaccia o meno la sua conduzione, resta uno dei direttori di gara più affidabili del circuito) e dai più giovani Lanzarini e Martolini che talvolta hanno lasciato a desiderare.

BIELLA A TRAZIONE GIOVANE - L’Angelico affidata a Cancellieri, l’ex vice di Bechi che ha appena sostituito Perdichizzi sulla panchina di Brindisi, arriva al PalaWhirlpool con una classifica che parla di cinque successi e sei sconfitte; il sottile equilibrio è stato rotto dalla recente vittoria di Cantù di un solo punto al PalaBiella, motivo in più per temere la formazione laniera. Squadra da non sottovalutare, perché le scommesse portate avanti dai piemontesi stanno reggendo bene l’impatto con la massima serie: parliamo in particolare di due prospetti americani come il folletto Sosa e l’arrembante Slaughter che stanno confermando il talento di cui erano accreditati; anche il sardo Chessa sta muovendo passi importanti in chiave futura. Attorno ad essi ci sono poi uomini di maggior esperienza come i lunghi Jurak e Salyers o Matteo Soragna, fedelissimo di Recalcati in azzurro, capaci di dare quadratura all’intera squadra dove Goran Suton fa da guglia con i suoi 208 centimetri.
Varese già conosce la pericolosità dei Cancellieri-boys, avendo perso in precampionato a Castellanza: c’era ancora un Collins in borghese al posto di Ronald Slay.
Si gioca come detto alle 14, con le biglietterie di Masnago aperte dalle 12,30: da Biella arriverà un buon numero di sostenitori per una sfida sempre piuttosto calda in campo e sentita sugli spalti.

Cimberio Varese – Angelico Biella (probabili formazioni)

Varese: 4 Demartini, 5 Goss, 6 Mian, 7 Rannikko, 9 Righetti, 10 Galanda, 11 Thomas, 14 Kangur, 15 Lenotti, 18 Fajardo, 35 Slay. All. Recalcati.
Biella: 4 Slaughter, 5 Minessi, 7 Soragna, 8 Danna, 10 Sosa, 13 Mariani, 14 Suton, 18 Chessa, 20 Viggiano, 22 Salyers, 33 Jurak. All. Cancellieri.
Arbitri: Lamonica, Lanzarini, Martolini.

Agos Ducato Serie A - Programma e classifica

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.