E ai saldi si compra anche l’arredamento

I lombardi, nel periodo dei saldi, spenderanno complessivamente quasi 300 milioni di Euro per arredare e rinnovare le proprie case: lo dice una analisi della camera di Commercio di Monza e Brianza

I lombardi in occasione dei saldi sono pronti ad acquistare non solo capi di abbigliamento e di accessori, ma anche mobili e complementi di arredo.  In giro tra negozi e outlet a caccia di occasioni, i lombardi, nel periodo dei saldi, spenderanno complessivamente quasi 300 milioni di Euro per arredare e rinnovare le proprie case. Questa è la previsione emersa nell’analisi della camera di Commercio di Monza e Brianza che sottolinea come solo tra Milano e Monza e Brianza il giro d’affari per poltrone e divani “saldati” valga circa 150 milioni di Euro.

In Lombardia le imprese attive nei diversi settori che progettano prodotti di design, dal legno–arredo al tessile–moda, dagli elettrodomestici e dalla tecnologia ai prodotti in gomma plastica, sono circa 64mila, il 20,7% sul totale nazionale, anche se con la crisi sono diminuite in un anno del 3,4%. Le province di Milano, Monza e Brianza e Como insieme contano quasi la metà (43,7%) del totale regionale con 27.976 imprese: anche questo dato è emerso  ed elaborazioni dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese, Apa Confartigianato, Istat.

«I saldi sono un’opportunità per rilanciare i consumi e quindi l’economia – ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza – anche per un settore come quello del design e del legno arredo, che da sempre rappresenta una delle eccellenze del nostro territorio, riconosciuta a livello internazionale, grazie all’operosità e alla capacità di innovazione delle piccole e medie imprese del settore, a partire da quelle artigiane».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.