E’ morto Abraham. Il giorno prima delle nozze

Lutto nel mondo dello scoutismo varesino. E' scomparso il ragazzo etiope che aveva trovato una casa a Varese e che era diventato l'amico di tanti giovani

Lutto nel mondo dello scoutismo varesino. E’ morto improvvisamente, sabato scorso, Abraham, 33 anni, un ragazzo etiope che in tanti anni di permanenza a Varese era diventato un punto di riferimento per tanti amici e conoscenti. Era volato in Etiopia qualche giorno fa, per sposare una connazionale, conosciuta durante un viaggio alla ricerca delle sue radici, lo scorso anno.

Le nozze erano fissate per domenica 9 gennaio, ma improvvisamente, sabato, alla vigilia del matrimonio, si è sentito male ed è morto per una emorragia cerebrale. Un tremendo scherzo del destino, proprio a lui, che aveva sempre il sorriso sulle labbra, nonostante un malattia che fin da bambino gli aveva deformato una parte del volto, e che aveva combattuto con quattro interventi chirurgici. Un calvario che non aveva mai fatto pesare a nessuno.

Era giunto a Varese quasi venti anni fa e aveva trovato una casa grazie alla famiglia Belli di Calcinate del Pesce. I ragazzi lo avevano portato negli scout del gruppo Varese 7, alla Brunella, e poi nel Varese 3. Aveva fatto tutta la trafila educativa ed era anche diventato capo, nel reparto e successivamente nel noviziato, con i giovani di 17 anni. Era impiegato nella ditta Fumagalli di Varese, era contento del posto e benvoluto.

Varesenews lo ricorda sorridente al matrimonio del suo caro amico Stefano Bossi, mentre con la sua simpatia intratteneva gli amici Carlo Montalbetti e Alessandro Tofani.

In un annuncio secco sul quotidiano la Prealpina di qualche giorno fa, la madre adottiva lo ha ricordato così: «Sei volato in cielo all’improvviso lasciandomi negli occhi e nel cuore il tuo bacio affettuoso e felice prima di partire e quel tuo “grazie di tutto” che rimarrà sempre dentro di me. Dopo pochi giorni sono io che ringrazio te per la strada fatta insieme». 
Lunedì sera, alla chiesa parrocchiale di Casbeno, si è tenuta una commovente celebrazione, con 300 persone, celebrata da don Ernesto Mandelli. Abraham sarà sepolto nel suo paese natale, ma gli scout hanno previsto una di messa di ricordo quando torneranno dall’Etiopia i familiari.  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.