“Gli artigli della memoria” per ricordare la Shoah

Giovedì 27 gennaio spettacolo teatrale in Villa Montevecchio: Betty Colombo interpreta il raccotno di una donna sopravvissuta ai campi di sterminio

Uno spettacolo in programma giovedì 27 gennaio per commemorare la Shoah con una narrazione di finzione che avvicina alla realtà della storia attraverso il teatro del monologo.

In scena l’intensa e coinvolgente Betty Colombo nelle vesti di una donna, ex deportata in un campo di concentramento.
"Far vivere e rivivere la memoria è un nostro compito fondamentale – ha dichiarato Albino Montani, l’Assessore alla Cultura, presentando la nuova stagione culturale samaratese – un dovere di educazione civica e di rispetto. Quest’anno abbiamo scelto la forma del teatro di narrazione, una modalità coinvolgente e densa di emozioni per il pubblico presente perché davvero tutti si sentano investiti del compito di far vivere la memoria .".
Gli artigli della memoria narrano di una donna ex deportata in un campo di concentramento invitata in un contesto pubblico a parlare della sua truce esperienza.
Si prepara alla serata con cura andando dal parrucchiere e questo gesto fa
affiorare tutte le manie che il campo di concentramento le ha lasciato nella pelle: odia guardarsi allo specchio, non tocca il suo corpo nemmeno quando si lava, rifugge ogni fragranza o profumo, non si mette in fila al supermercato se deve prendere il numero.
Il tempo che passa allontana infatti l’esperienza vissuta, l’elaborazione culturale aiuta a collocarla nella Storia, ma le ragioni o tanto meno le giustificazioni – ammesso che ne esistano – non possono soccorrere la mente nell’accettazione dell’Olocausto.
Lo spettacolo è in scena giovedì 27 gennaio 2011 nella Sala Azzurra della Villa Montevecchio in via Lazzaretto a Samarate, con inizio alle ore 21.00 e con ingresso libero e gratuito.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.