I comuni italiani contro il federalismo

Nota ufficiale da parte dell’associazione nazionale dei comuni italiani sul decreto del Federalismo: “Troppe incertezze, avviare una nuova fase interlocutoria”

Sergio Chiamparino al centroL’Anci contro la riforma del federalismo che dovrebbe essere approvata dalle commissioni parlamentari nei prossimi giorni. Molti i punti nel mirino dell’associazione nazionale dei comuni italiani, proprio nel momento in cui il Governo Pdl-Lega si basa proprio su questa riforma per evitare di andare al voto.
L’Anci, tramite il suo presidente e sindaco di Torino, Sergio Chiamparino, chiede che vengano rivisti alcuni punti del testo definitivo del decreto presentato dal ministro Roberto Calderoli. Ma soprattutto «di prolungare la fase di interlocuzione ripercorrendo i passaggi istituzionali, per arrivare a un’intesa comune in sede propria. L’Anci non ha responsabilità di governo, quello che offre è un percorso istituzionale; non possiamo fare la stampella né per la crisi né per le elezioni anticipate».

Nel documento approvato all’unanimità dall’Uffico di presidenza dell’Anci vengono evidenziate le criticità del decreto. Nel mirino la tassa di soggiorno: «Così com’è strutturata non va bene perché sono i piccoli comuni ad averne più bisogno per i servizi. In queste condizioni non ha senso e poi va sottolineato che comunque dal 2011 non c’è. La tassa Imu non solo ci obbliga a vivere alla giornata creando di fatto una subalternità dei Comuni al governo centrale e poi perché per certi versi rappresenta un restyling dell’Ici».

Nonostante le critiche l’Anci spiega che le critiche avanzate non devono essere lette come una bocciatura: «l’Anci non si schiera perché non ci sono le condizioni politiche per dire sì o no e quindi questa non può essere letta né come una bocciatura, né come una promozione. Le incertezze della fase politica sono grandi e se vengono sommate a quelle del testo non ci mettono in condizione di dare un giudizio positivo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.