Il 2011 è l’anno europeo del volontariato

L'Unione europea ha deciso di celebrare quanti si occupano degli altri. Sono almeno cento milioni gli europei che si dedicano al volontariato

anno del volontariatoTre europei su dieci fanno volontariato: a loro l’Unione Europea dedica il 2011, Anno Europeo.
Centomilioni di europei mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza per aiutare chi ha bisogno e contribuire allo sviluppo delle proprie comunità. In un museo, un professore di storia dell’arte in pensione illustra i capolavori europei a visitatori stranieri. In un ospedale, uno studente delle superiori legge per i bambini ammalati. Un ex calciatore della nazionale allena una squadra di quartiere. Ci sono mille modi di fare la differenza. Per dare risalto a queste iniziative e incoraggiare un maggior numero di cittadini a impegnarsi a loro volta, la Commissione europea ha inaugurato l’Anno europeo del volontariato 2011. La vicepresidente della Commissione Viviane Reding, responsabile per la giustizia, i diritti fondamentali e la cittadinanza ha presentato lo slogan dell’Anno del volontariato: "Volontari! Facciamo la differenza!".

Il volontariato permette alle persone di acquisire conoscenze, sfruttare le proprie capacità e ampliare le proprie reti sociali e spesso questo comporta nuove o migliori opportunità di lavoro, oltre a contribuire allo sviluppo personale e sociale.

La Commissione aiuta i giovani a partecipare ad attività di volontariato. Attraverso il 
Servizio volontario europeo, migliaia di adolescenti e di giovani si recano all’estero per insegnare, promuovere la sensibilizzazione culturale e sviluppare importanti competenze di vita. Per mettere in luce il lavoro dei volontari, incoraggiare altri a unirsi a loro e sormontare le difficoltà che essi devono affrontare, l’Anno europeo cercherà di ridurre gli ostacoli al volontariato nell’UE, conferire autonomia e responsabilità alle organizzazioni di volontariato e migliorare la qualità del volontariato, premiare e riconoscere le attività di volontariato e sensibilizzare su questi temi.

Verrà rivolta particolare attenzione alla formazione dei volontari, all’accreditamento e alla certificazione della qualità e a un collegamento efficiente ed efficace tra i potenziali volontari e le opportunità di volontariato. La Commissione incentiverà nuove iniziative europee per la costituzione di reti onde favorire gli scambi transfrontalieri e le sinergie tra le organizzazioni di volontariato e altri settori, segnatamente le imprese.

Nel corso dell’Anno del volontariato saranno promosse centinaia di attività e progetti (www.europa.eu/volunteering) come il Tour 2011, in cui i volontari viaggeranno per un anno nei paesi dell’UE, presentando il proprio lavoro e incontrando i responsabili politici e i cittadini in ogni tappa del viaggio. Saranno quattro le conferenze tematiche a livello europeo e molte le iniziative a livello locale. Intanto il 13 dicembre a Milano si terrà la cerimonia conclusiva dell’Anno 2010, dedicato alla lotta alla povertà e all’esclusione sociale. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.