Il contratto nazionale va difeso

Maurizio Canepari, segretario della Fiom - Cgildi Varese, spiega la posizione del suo sindacato e la situazione nella provincia

Maurizio Canepari, segretario della Fiom-Cgil  di Varese, spiega la posizione del suo sindacato e la situazione nella provincia.
Contro cosa siete in piazza oggi?
«Siamo qui per contrastare il tentativo di smantellare il contratto nazionale in favore di meccanismi individuali o aziendali. Siamo qui per dire in modo chiaro ed esplicito alle associazioni padronali che non intendiamo accettare gli accordi fatti a Mirafiori e Pomigliano».
La situazione a Varese com’è?
«La provincia è stata investita dalla crisi, questo è ovvio. Soffriamo oggi dei problemi massicci della cassa integrazione, delle chiusure di fabbriche, dei licenziamenti. Dal 2009 oltre 1000 precari sono stati abbandonati e questo crea ovviamente pesanti ripercussioni nella nostra provincia».
Quindi anche le imprese varesine sono a rischio
«Certo. E il senso della nostra manifestazione è proprio quello di far capire che chi intende muoversi lungo il sentiero che ha tracciato Marchionne -come Federmeccanica non gli accordi separati- troverà una strenua resistenza. Noi non siamo disponibili e stiamo conducendo una battaglia per dire no a questi eventuali tentativi».
E come articolerete questa battaglia?
«Noi metteremo in campo tutte le iniziative sindacali opportune, come stiamo già facendo. E se dovesse rendersi necessario, siamo pronti a ricorrere anche ad azioni legali per tutelare i lavoratori e sopratutto i diritti dei singoli. E’ principalmente la difesa dei diritti l’elemento fondamentale su cui noi dobbiamo muoverci».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.